Juventus, Marotta: «Dani Alves e Mascherano fanno la differenza»

L'ad bianconero conferma l'interesse per i due calciatori del Barcellona. «Presto annunceremo anche il rinnovo di Evra. Dybala e Higuain sono eccellenze del nostro calcio e Paulo crescerà ancora»

Juventus, Marotta: «Dani Alves e Mascherano fanno la differenza»

TORINO - «Non confermo e non smentisco», sorride Beppe Marotta sotto il sole di Amalfi, mentre riceve il premio Football Leader come dirigente dell'anno dal direttore di Tuttosport Paolo De Paola. L'ad juventino è decisamente elettrizzato dalla possibilità di completare un clamoroso doppio colpo con Dani Alves e Javier Mascherano, due colonne del Barcellona dominatore degli ultimi anni. La notizia è deflagrata ieri sera, il dirigente juventino non vuole tuttavia concedere dettagli, si concede solamente un «sono giocatori che possono fare la differenza, anche se non è facile centrare gli obiettivi da Juventus». E ancora: «Puntiamo a un mix di giovani e meno giovani per rinforzare la squadra con freschezza ed esperienza indispensabile in Champions».

Juventus, Marotta: «Mascherano e Dani Alves giocatori eccellenti»
Guarda il video
Juventus, Marotta: «Mascherano e Dani Alves giocatori eccellenti»

LA SITUAZIONE - In realtà le trattative sono molto bene avviate ed entrambe i giocatori hanno detto sì alla Juventus. Per Dani Alves potrebbe bastare quello, visto che nel suo contratto esiste una clausola grazie alla quale può liberarsi a parametro zero entro il 5 giugno, per Mascherano la Juventus sta trattando con il Barcellona. E Marotta è parso sereno e fiducioso.

 

EVRA E MORATA - E intanto ha annunciato un'altra mossa: «Presto annunceremo il rinnovo di Evra. Per Berardi esiste una prelazione con il Sassuolo, in settimana troveremo un accordo. Morata all'Arsenal? A breve incontreremo il Real e faremo il punto della situazione su Alvaro».

 

IL NAPOLI - «Il Napoli è l'unica squadra che in questi anni è stata capacedi togliere dei trofei alla Juventus. E' stato un testa a testa moltobello, emozionante. Siamo contenti di questa competizione ne vale labellezza del calcio italiano. Il duello si rinnoverà la prossima stagione? Sicuramente sì, è una società importante e con un grande allenatore».

HIGUAIN E DYBALA - «Higuain è un campione, ha fatto tanti goal e li hafatti in un campionato difficile come quello italiano.  Dybala crescerà,siamo contenti di averlo con noi. Sono due eccellenze del calcio italiano».

PIRLO - «Nel calcio ci sono delle situazioni che devi cogliere, delle opportunità. Ci sono campioni che arrivano a dare tutto per un club esembra non abbiano più altro da dare. Proprio come Pirlo. Ha ricevuto stimoli straordinari quando lo abbiamo preso».


CONTE E ALLEGRI - «Il calcio è fatto di cicli. La figura dell'allenatore è importante e prevede anche un forte dispendio di energia. Il ciclo di Conte era terminato, è un fatto fisiologico. Noi, in quel momento, ci siamo trovati un po' in difficoltà perché la rescissione è avvenuta nel secondo giorno di ritiro. Abbiamo optato per una scelta importante con un professionista che aveva delle doti tra le quali quella di saper entrare inun gruppo senza stravolgere e rivoluzionare. Allegri ha avuto questa capacità. Di adattarsi ad una squadra, ad una società, a dei concett icalcistici diversi rispetto al Milan».

 

IL PREMIO - Infine il premio, ricevuto sulla terrazza del Grand Hotel “il Saraceno” e così chiosato dall'amministratore delegato juventino  «Sono molto orgoglioso di essere qua e ricevere questo prestigioso premio. Il calcio, per me, è un ambiente ricco di valori, è sempre stato ed è ancora una grande palestra di vita. E' motivo di orgoglio perché sono qua a rappresentare una società econdivido il premio con tutti gli addetti ai lavori. I numeri dicono che ilnostro è stato un campionato straordinario. La squadra che va in campo è specchio della società. Noi abbiamo una società importante, capace, con deleghe gestite in piena autonomia. La nostra fortuna è avere una squadra fuori dal campo molto unita, che lavora e rispetta il lavoro degli altri».

Football Leader, Marotta riceve il premio "Dirigente dell'anno" da Paolo De Paola 
Guarda la gallery
Football Leader, Marotta riceve il premio "Dirigente dell'anno" da Paolo De Paola 

Juve, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...