Allegri: «Voglio restare alla Juventus. Il mio futuro non dipende da Cardiff»

Il tecnico: «Contento per le parole di Marotta, ma del contratto ne parleremo al momento giusto»

Allegri: «Voglio restare alla Juventus. Il mio futuro non dipende da Cardiff»© www.imagephotoagency.it

VINOVO - A scudetto vinto, il presente è meno importante del futuro: intesto come finale di Cardiff ma anche come permanenza di Allegri in bianconero: "Mi hanno fatto piacere le parole di Marotta, ma ora dobbiamo pensare a Cardiff perché è un evento mondiale. Al momento giusto la società mi chiamerà, ma io il contratto ce l'ho. Io voglio restare, ma dobbiamo parlarci. Di. certo l'esito della finale di Champions non cambierà il mio pensiero. Se resto al 100 per cento? Se non mi cacciano...". Dopo aver dipinto un po' più di bianconero il suo domani, Allegri sposta l'occhio sul domani vero e proprio, Bologna: "Dobbiamo giocare e chiudere al meglio, magari con una bella vittoria. Poi ci prepareremo per la partita di Cardiff. Ma domani bisogna vincere". Poi un commento sul rinnovo di Mandzukic: "Sono contento per Mario, la Juventus con lui, Dybala e altri ha adottato una strategia importante perché i campioni vanno tenuti, su questo non c'è stato bisogno del mio parere". Chi invece non ha rinnovato, con la Roma, è Totti: "Gli faccio un grosso in bocca al lupo, ha fatto la storia del calcio italiano".

GIOCA AUDERO - Domani invece proverà a iniziare a scrivere la storia un giovane portiere: "Giocherà Audero", annuncia il tecnico, che schiererà tutti i big in attacco: Cuadrado, Dybala, Higuain e Mandzukic. Turnover in difesa, dove mancherà Chiellini: "Nessun problema - rassicura Allegri - a Cardiff sarà disponibile, ma è anche diffidato e rischierebbe di saltare la Supercoppa". E a Cardiff sarà disponibile anche Khedira: "Domani giocherà dall'inizio e farà un tempo, devo valutare le sue condizioni". In condizioni perfette tutti gli altri, ai quali il tecnico rende omaggio per la stagione eccezionale: "Hanno fatto tutti un campionato straordinario. Dybala e Higuain all'inizio hanno dovuto conoscersi, ma i grandi giocatori poi si trovano sempre. Bonucci dopo aver visto la partita di Oporto dalla tribuna ha avuto una reazione eccezionale, Barzagli alla fine della partita di Coppa Italia ha fatto uno scatto che sembrava avere 20 anni lui e 36 l'attaccante che inseguiva... Ma dovrei nominarli tutti uno per uno".

Juventus, la lista Marotta: gli obiettivi per tutti i reparti
Guarda la gallery
Juventus, la lista Marotta: gli obiettivi per tutti i reparti

TS League europei

Juve, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...