Tuttosport.com

Allegri: «Pjanic e Khedira disponibili». Poi sbotta sulla Champions
© LaPresse
0

Allegri: «Pjanic e Khedira disponibili». Poi sbotta sulla Champions

Il tecnico alla vigilia della sfida di Coppa Italia: «Out Cuadrado, Barzagli e Bonucci». Poi sull'Atletico perde il controllo: «Follia dire che siamo favoriti come se stessimo solo aspettando di vincerla il primo giugno»

martedì 29 gennaio 2019

TORINO - "Se sara' tutto in ordine, Caceres domani sara' a disposizione, stanno ultimando il trasferimento". Cosi' il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, alla vigilia del quarto di finale in programma domani a Bergamo contro l'Atalanta. "Pjanic e Khedira sono a disposizione, per Mandzukic valuto oggi ma sta bene. Cuadrado e Barzagli sono out. Anche Bonucci, ma l'infortunio è meno grave del previsto quindi abbiamo la speranza di averlo prima possibile". Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, fa il punto dei giocatori disponibili e indisponibili alla vigilia della sfida di Coppa Italia in casa dell'Atalanta. "Ci saranno dei cambiamenti domani, qualcuno riposerà e altri invece giocheranno"

 "C'e' una partita secca e la giocheremo, lo abbiamo fatto a Bologna in Coppa, a Gedda in Supercoppa e anche quella di domenica a Roma era una gara particolarmente importante dopo il risultato del Napoli, avevamo un'opportunita' che i ragazzi sono stati bravi a prendere, ma questo non vuol dire che abbiamo vinto il campionato, domani abbiamo un'altra gara secca e tutto questo e' allenante in vista della doppia sfida di Champions con l'Atletico". Cosi' il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, alla vigilia del quarto di finale in programma domani sera in casa dell'Atalanta. "Sara' una partita difficile perche' la squadra di Gasperini a livello fisico riesce a stare al nostro livello, ci sara' piu' pressione perche' le partite secche le vince chi fa meno errori. E' una squadra che segna tanto, ma e' anche vero che concede e quindi bisognera' sfruttare i loro errori. Per loro sara' una serata straordinaria, hanno l'opportunita' di battere la Juventus, passare il turno e quindi cercare di vincere la Coppa".

SULLA CHAMPIONS - "Giocare contro l'Atletico non è come giocare contro qualunque altra squadra. E' una partita complicata", ha proseguito. "La Champions va affrontata sapendo che possono esserci imprevisti, che fanno parte della normalità. Noi dobbiamo prepararci al meglio per vincere. In campionato - ha aggiunto il mister bianconero - è diverso, perché ci sono 38 partite e puoi anche sbagliarne una. Anche domani sera a Bergamo non c'è possibilità di replica, bisogna giocare una grande partita e essere un pizzico fortunati. Comunque sia, la Juve negli ultimi quattro anni ha giocato due finali. Non è che la Juve in Europa abbia fatto male. Poi speriamo che questo sia l'anno buono, ma io me lo auguravo anche il primo anno, quando sono arrivato. Ci facciamo un alone di discorsi, ma la Champions va giocata, è semplice, senza pensarci tutti i giorni. Ci sono queste partite secche che sono di allenamento mentale per la gestione della partita e per arrivare alle partite andata e ritorno. Sento tutte le volte parlare di Madrid. È una partita di calcio di Champions, non c'è scritto da nessuna parte che la Juventus è la mega favorita. Si parla come se la Juve dovesse aspettare solo il 1° giugno per vincere la Champions. Questa è una roba da folli. Non la si può vivere così". Così Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus. "La Champions come gli altri trofei è un obiettivo da portare a casa. Poi se saremo bravi e fortunati andremo avanti"

"Quando riposerà Ronaldo? Oggi vedrò come sta la squadra, gli parlerò, vediamo. Cristiano sta facendo un'ottima annata a livello di dati fisici, oltre che di gol. A livello di quantità più o meno siamo come a Madrid, a livello di intensità fa di più qui", ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. "È anche vero che la stagione qui è molto più lunga perché il Real ha iniziato a giocare a dicembre, quando era a venti punti dal Barcellona. Questo è sicuramente un momento in cui si può rifiatare, anche se questa è la settimana più tosta", ha aggiunto Allegri.

 

Commenti

La Prima Pagina