Il progetto di Agnelli per continuare a vincere

Il progetto di Agnelli per continuare a vincere© Juventus FC via Getty Images

Sono tutti lì a inseguire, almeno a parole, un progetto. Il progetto dei giovani italiani, il progetto per provare a vincere nell’immediato, il progetto per alzare l’asticella, il progetto, il progetto... Il vero progetto però sembra averlo in testa la Juve, indipendentemente da quello che vuole il club bianconero: vincere la Champions. Anche se quello non è un progetto - perché puntare al massimo, come stanno ripetendo in maniera stucchevole molti allenatori di questi tempi - non è un progetto, ma un obiettivo. Il progetto, dicevamo, della Juve è nelle pieghe di un mercato che bisogna leggere, interpretare, decifrare, per capire a cosa stanno realmente lavorando Agnelli, Paratici e Nedved: progettare (appunto, in questo caso la parola è corretta) una Juve avanti di cinque anni rispetto alla concorrenza. Mentre tutti si affannano a rincorrerla, lei è già nel futuro.

Prima di tutto. La Juve riparte: c'è Higuain. Toro e Atalanta in Europa con la grana stadio
Guarda il video
Prima di tutto. La Juve riparte: c'è Higuain. Toro e Atalanta in Europa con la grana stadio

Certo, oggi e per i prossimi anni è e sarà sempre la Juve di Ronaldo e Chiellini, per dire un fuoriclasse e un formidabile calciatore che rappresentano allo stato attuale - come simboli e bandiere - la qualità e la forza di un gruppo straordinario. Ma provate a immaginare - nelle mosse di Paratici - come si sta già strutturando la nuova Juve. Partendo dai giocatori che sono già arrivati: Demiral, che sarà una grande sorpresa e di cui si parla troppo poco, con i suoi 21 anni per rinforzare il reparto centrale o la fascia destra, che è la sua seconda specializzazione; Luca Pellegrini, che a 20 anni ha tutto il tempo per dimostrare le sue grandi potenzialità; Romero, che a 21 sarà magari girato per fare ancora esperienza; Ramsey, una star internazionale che ha quattro anni in meno di Khedira; Rabiot, che ne ha otto in meno di Matuidi. Già così la Juventus ha abbassato nettamente a sua età media, ma come dimostrano sussurri e indicazioni del mercato la questione è tutt’altro che chiusa.

Juve, Douglas Costa: musica e buon umore verso la Continassa
Guarda il video
Juve, Douglas Costa: musica e buon umore verso la Continassa

E’ ormai in dirittura d’arrivo l’acquisto di De Ligt, 19 anni, destinato ad essere una stella del calcio internazionale almeno per il prossimo decennio. E poi le voci più accreditate, certificate da tutti gli operatori di mercato: la Juve vuole Zaniolo - che rientrerebbe nell’operazione Higuain - 20 anni e un futuro garantito; vuole Chiesa con i suoi 21 anni, che sarebbe probabilmente già bianconero se non ci fosse stato il passaggio di proprietà a Firenze; vuole Icardi (26 anni) che sarebbe oggi il partner di Ronaldo ma fra qualche anno resterebbe ancora un primattore assolutamente protagonista. E poi, anche se non è storia di questo mercato perché Cellino ha detto che lo tratterrà a Brescia, nel futuro prossimo si intravede nettamente il profilo di Tonali.

Juve ed Inter nella Top 10 dei club più spendaccioni d'Europa dal 2009
Guarda la gallery
Juve ed Inter nella Top 10 dei club più spendaccioni d'Europa dal 2009

Insomma, mentre tutti si affannano a rincorrerla - e pur prendendo ultratrentenni sanno di non essere neppure entrati in scia - la Juve con i suoi acquisti già certificati ha abbassato sensibilmente l’età media e da De Ligt a Chiesa, con la semina già effettuata, si è lanciata su gente straordinaria ancora più giovane. Una squadra under 30 con una media età che non arriva a 24, per poter davvero far sapere alla concorrenza di essersi messa alle spalle 8 scudetti pazzeschi, di essere ancorata saldamente al presente e di saper già come colorare di bianconero il futuro. Per potersi anche concentrare nei prossimi mercati magari su un altro acquisto top. Come può essere Mbappé - 21 anni ancora da compiere - oppure il fenomeno emergente del Lilla, Rafael Leao, con i suoi 20 anni, su cui la Juve si è già mossa. Ma questo è un altro discorso. O forse no.

Cristiano Ronaldo-Neymar, la sfida passa dal ring al ping pong
Guarda la gallery
Cristiano Ronaldo-Neymar, la sfida passa dal ring al ping pong

Juve, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...