Tuttosport.com

Diretta Instagram Dybala-Del Piero: dal calcio di ieri a quello di oggi

0

I due numeri 10 della Juve si incontrano sui social: dai gol più belli alla maglia persa per dieci euro, fino alle speranze

Diretta Instagram Dybala-Del Piero: dal calcio di ieri a quello di oggi
venerdì 10 aprile 2020

Dybala e Del Piero in diretta su Instagram per la gioia soprattutto dei tifosi della Juventus. Parte Paulo: "Sono a casa a Torino con Oriana, aspettiamo che passa tutto. Abbiamo avuto dei sintomi, non fortissimi, però sì. Lei è stata meglio, i miei sintomi sono durati di più e mi hanno impedito di fare alcune cose. I dottori mi hanno consigliato di non prendere nessuna medicina, mi hanno dato delle vitamine, ed ora stiamo bene. Io sto aspettando il risultato del test per riprendere. La mia famiglia è tutta negativa in Argentina, tanti amici e i miei familiari stanno bene. Lì sono stati molto bravi a reagire con prontezza e velocità, è stata imposta la quarantena molto prima abbassando il numero dei casi. Alex: "Io sono a Los Angeles, dovevo vedere la vostra partita di Champions. I bimbi giocano, bisogna trovare dei modi per farli svagare. Non è facile però non poter uscire. Abbiamo iniziato lezioni di spagnolo anche. Con loro parlo in italiano a casa, sempre, così lo mantengono, ma a scuola parlano in inglese. Ora cominciamo con la terza lingua. Qui mi trovo bene, è il quinto anno ormai. Non mi manca l’Italia perché spesso ci torno, è una vita diversa".

Juve, Vucinic: "Il primo scudetto è stato bellissimo. Critiche? Non m'importavano"

Dybala: "Mi manca la Juve, voglio tornare"

“Mi piace stare a casa, ma mi manca andare al campo e stare con i compagni, toccare la palla, sentire tutto l’ambiente. Non voglio uscire per fare shopping, ma per giocare: il calcio mi manca tantissimo. Ma la voglia di tornare non ci deve portare a commettere errori, per ricominciare ci deve essere una certa sicurezza, non solo per noi calciatori ma per tutti. Il piede non si perde, se uno è forte è forte. Ma i muscoli…".

Douglas Costa commenta: "Due fenomeni"

La diretta coinvolge tante persone, tutte prese dal botta e risposta di Dybala e Del Piero tra ricordi, retroscena e curiosità. Tra i tanti commenti che arrivano c'è anche quello del compagno di squadra di Paulo, Douglas Costa, che scrive: "Due fenomeni".

Del Piero: "Paulo, il gol all'Inter è una genialata!"

“Il gol che hai fatto all’Inter è stata una genialata. Come mi vedrei nel calcio di oggi? Il calcio è cambiato tanto nella comunicazione. Io ho iniziato in un’era in cui i giornalisti erano fuori dallo spogliatoio, non c’erano filtri. Il movimento economico è cresciuto, ci sono cifre diverse. Una volta il calcio italiano aveva determinate caratteristiche, così come quello spagnolo e inglese. Piano piano gli allenatori si sono mixati andando nei vari paesi e si è ricercato il dettaglio per migliorare negli aspetti tipici degli altri campionati. Magari potessi giocare ancora, la voglia di giocare non muore mai”.

Dybala: "Alex, ho perso la tua maglia per 10 euro"

Il retroscena della maglia di Del Piero, lo racconta Dybala: “Volevo avere la maglia di Alex del 2010-2011 all’asta, vado sul sito ed entro con il profilo della mia ragazza. Mettiamo una cifra, ma non sapevo quale era la più alta inserita. Io l’ho messa, ho aspettato, poi all’ultimo secondo l’ho persa per 10 euro. Non ho avuto più tempo per fare un’altra offerta, mi sono arrabbiato tantissimo". 

I gol più belli di Dybala e Del Piero

“Tu, Paulo, hai fatto dei gol all’incrocio bellissimi. Ma, come complessità di azione, quello contro l’Inter è il più bello”. Dybala: “Il tuo tiro a giro è famoso, il gol alla Del Piero. Ma il gol al volo contro la Fiorentina di mezzo esterno sopra il portiere, non so come hai fatto”. Replica Del Piero: “Meno pensi in quei casi e meglio è, a volte fai decidere l’istinto e la creatività. Ricordo anche i gol su punizione, per esempio quello al Real Madrid. Poi la standing ovation è stato come vincere un trofeo". Anche la Joya ha un gol su punizione preferito: "Quello all'Atletico Madrid ci ha dato la vittoria, ho detto a Pjanic che me lo sentivo. Lui mi disse di tirare basso, ma io ho deciso di tirare alto e forte".

Caricamento...

La Prima Pagina