Kulusevski esclusivo: Juve, idolo Dybala. Voglio la Champions

Prima intervista bianconera di Dejan: «Con Ronaldo ho un segreto. Io come Nedved? Lusingato. Punto al Golden Boy di Tuttosport. Grazie Parma e Dea»

Kulusevski esclusivo: Juve, idolo Dybala. Voglio la Champions

TORINO - Giugno 2015, finale di Champions League tra Barcellona e Juventus. Massimiliano Allegri ha vinto il campionato al primo colpo dopo il triennio di Antonio Conte. Con i bianconeri, sul charter di ritorno da Berlino, c’è anche il primo acquisto per la stagione seguente. È giovane (ha 21 anni), ma è stato la rivelazione della Serie A con il Palermo: 35 presenze, 13 gol e 10 assist. Tanto che il club di Agnelli per bruciare la concorrenza deve investire 32 milioni più 8 di bonus. È Paulo Dybala, la Joya, il numero 10 del momento.

La Top 15 dei ‘maratoneti’ di Serie A: Kulusevski sul podio
Guarda la gallery
La Top 15 dei ‘maratoneti’ di Serie A: Kulusevski sul podio

A distanza di cinque anni sembra di rivedere un film simile con Dejan Kulusevski, primo acquisto della Juventus per il 2020-21. A parte il ruolo diverso, le assonanze sono tante. Lo svedese ha 20 anni, ha stupito tutti grazie a una stagione spettacolare nel Parma (39 presenze, 10 gol, 9 assist) e alla Continassa se lo sono aggiudicati in anticipo, già a gennaio, versando all’Atalanta 35 milioni più 9 di bonus. Anche il momento sembra simile: Allegri, dopo aver gestito il post Conte continuando a vincere, nell’estate 2015 iniziava a varare la sua Juventus. Sarri non è ancora in finale di Champions, ma ha già conquistato il tricolore e ha lo stesso progetto in testa per il futuro. Di diverso c’è che Kulusevski, in caso di approdo alla fase finale di Lisbona da parte di CR7 e compagni, probabilmente non viaggerà con i nuovi compagni causa Covid. «Ho parlato con i dirigenti - racconta il fantasista - e insieme abbiamo deciso che invece di aggregarmi alla Juve fin da ora è meglio aspettare la nuova stagione perché sarà una annata intensa, lunga e ho bisogno di riposare un po’»

D’Aversa, suo allenatore a Parma, dice di lei: «Ragazzo competitivo, stesso dna della Juventus, mi ricorda Nedved per il mix di corsa e qualità». Si ritrova?
«Io vado alla Juventus per aiutare la squadra. Sono consapevole che dovrò lavorare molto e avere anche un po’ di pazienza: all’inizio dovrò imparare tanto da compagni e staff. Sono pronto e farò di tutto per dimostrare che il club ha fatto bene a puntare su di me. Il paragone con Nedved mi lusinga. Oltre ad averlo conosciuto di persona, ho visto alcuni dvd su di lui: era davvero forte. Forse un po’ gli somiglio nella facilità di corsa abbinata alla tecnica. Ma io sono soltanto Dejan».

D’Aversa ha detto anche che lei è stato il miglior Under 21 d’Europa. Pensa di avere chance di vincere il Golden Boy di Tuttosport o crede che sia Haaland il favorito?
«Qualche possibilità potrei averla, ma al momento penso che Haaland abbia fatto più di me e sia tra i favoriti. Vedremo»

Come immagina CR7 da vicino?
«Per fortuna l’ho già incontrato ed è stato super emozionante. Quando a gennaio sono venuto a Torino per firmare il contratto, Cristiano mi ha raggiunto in sede con Chiellini, Buffon e Bonucci per darmi di persona il benvenuto alla Juventus. Con CR7 ho scherzato anche prima di Juve-Parma, ma quello che ci siamo detti non posso dirlo… (risata). Da fuori Cristiano può sembrare una star, ma parlandogli ho scoperto un ragazzo alla mano. Che emozione».

Leggi l'intervista completa su Tuttosport

Sarri: "Kulusevski prospetto di grande interesse"
Guarda il video
Sarri: "Kulusevski prospetto di grande interesse"

Juve, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti