Arthur, azioni in crescita: l’esordio è stato convincente

Il brasiliano sarà titolare col Napoli. E Rabiot chiede scusa. L’ex Barcellona: “Buon lavoro di squadra, mai arrendersi”. Il francese: “Sfortunato per il rosso”
Arthur, dal Barcellona alla Juventus per 72 milioni© www.imagephotoagency.it

TORINO - Mezz’ora in campo è un tempo troppo breve per dare un giudizio realistico sulle qualità di Arthur Melo, ma l’impatto del brasiliano sulla squadra di Andrea Pirlo è stato positivo: l’ex Barça ha debuttato all’Olimpico di Roma entrando al posto di un deludente Weston McKennie nella ripresa, quando i bianconeri stavano perdendo 2-1, e ha mostrato subito di essere cresciuto di condizione imponendo un buon ritmo, con una manovra più veloce e delle intuizioni convincenti. «Buon lavoro di squadra, non bisogna arrendersi mai! Felice per il mio debutto in @seriea» il post su Instagram con cui Arthur ha salutato il suo esordio con la maglia bianconera.

Roma-Juve, le pagelle: Kulusevski a tratti, Morata da rivedere
Guarda la gallery
Roma-Juve, le pagelle: Kulusevski a tratti, Morata da rivedere

Complice la squalifica di Adrien Rabiot, il brasiliano ha buone chance di partire titolare domenica contro il Napoli all’Allianz Stadium. Del resto, a fine partita lo stesso Pirlo lo ha promosso. «Arthur viene da sei mesi di inattività, non giocava a Barcellona per problemi con la società. Arrivare in un campionato diverso, in una società diversa con allenamenti diversi fa sì che ci voglia tempo». E il tecnico bianconero glielo concede per permettergli di inserirsi al meglio, anche se è rimasto ben impressionato dalla sua prestazione. «E’ giovane, sta lavorando tutti i giorni per migliorare e lo vedremo sicuramente in campo nel corso del campionato».

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna di Tuttosport

Juve, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...