Juve, Rugani va in Francia: il Rennes lo aspetta

Il centrale ha preferito i francesi a Newcastle e Valencia per essere protagonista in Champions

© Marco Canoniero

Daniele Rugani lascia la Juventus, non la Champions League. Ieri sera il difensore toscano, dopo aver valutato attentamente le offerte in mano, ha risposto “no, grazie” a Valencia e Newcastle. Il 26enne di Lucca riparte dalla Francia e dal Rennes, rivelazione dell’ultima Ligue 1 (terza in classifica) e in questa stagione protagonista anche nella Coppa con le grandi orecchie. Lasciare la Juventus non è mai facile per nessuno. Rugani ci ha pensato bene, soppesando pro e contro. Dopo aver conquistato cinque scudetti e totalizzato 101 presenze in bianconero, adesso l’ex Empoli vuole giocare con continuità, anche in ottica Nazionale ed Europeo. Al Rennes sarà un punto fisso e a confermarglielo è stato anche l’allenatore Julien Stephan, con cui l’ormai ex juventino ha già parlato nelle ultime ore. Presto i due si vedranno anche di persona: Daniele potrebbe raggiungere la Francia per le visite mediche già in giornata.

Michela Persico confessa: "Io e Rugani ci vedevamo di nascosto"
Guarda la gallery
Michela Persico confessa: "Io e Rugani ci vedevamo di nascosto"

In Champions contro Chelsea, Krasnodar e Siviglia. Ecco la formula

Ieri Rugani ha seguito il sorteggio Champions della Juventus con un occhio a quello del Rennes, sulle sue tracce da settimane. Alla fine il difensore toscano non tornerà al Camp Nou per sfidare Messi, però se la vedrà con il Chelsea re del mercato 2020 a suon di colpi (Havertz, Werner, Chilwell, Ziyech, Thiago Silva e Mendy, ex portiere del Rennes), con il Siviglia campione in carica dell’Europa League e con i russi del Krasnodar. Un girone tosto che consentirà a Rugani di mettersi in luce ad alto livello in Europa, senza contare le sfide in campionato con il Paris Saint-Germain di Neymar, Mbappé e Icardi. Sono i motivi che hanno spinto tanto Rugani quanto la Juventus ad assecondare il Rennes. Il club francese garantisce una vetrina importante al ragazzo. Tutt’altro che un dettaglio. I bianconeri hanno accettato la formula del prestito secco (con il Rennes che pagherà lo stipendio per intero) convinti che il giocatore sicuramente si valorizzerà e la prossima estate sarà più facile venderlo.

Leggi l'articolo completo su Tuttosport

Commenti