Juventus, ecco perché Dybala non gioca questa sera

PIrlo sta aspettando che torni in condizione atletica, ma probabilmente lo farà entrare a partita in corso. E con la Lazio può essere titolare

© Juventus FC via Getty Images

TORINO - Paulo Dybala partirà probabilmente dalla panchina. Punizione per le ultime opache prestazioni o scelta strategica di Andrea Pirlo? La seconda, perché Pirlo ha in mente un piano di crescita per Dybala che, chiaramente, è ancora in ritardo di condizione. E, con un tatto non certo casuale, lo ha annunciato nella conferenza della vigilia («Domani Dybala potrebbe riposare» è una frase che serve proprio a placare ogni dubbio maligno sull'esclusione di Champions).

Dybala, in questa fase della stagione, ha due obiettivi: tornare in forma atletica brillante, che è indispensabile per trovare una collocazione tattica nella nuova Juventus di Pirlo. L'alternanza con Kulusevski, per esempio, è ora inevitabile, visto che i due hanno avuto la tendenza a pestarsi un po' i piedi nelle occasioni in cui hanno giocato insieme. Una convivenza però è possibile, perché Pirlo vorrebbe Dybala più vicino alla porta, ma per esserlo, l'argentino deve stare bene. Dybala questa sera ha ottime possibilità di entrare a partita in corso, mentre potrebbe essere titolare all'Olimpico (stadio che è stato scenario di alcune sue eccellenti prestazioni e gol pesanti, proprio contro la Lazio) in una logica di turnover teso a migliorare la condizione. Poi Pirlo spera di poterlo trattenere nella prossima pausa nazionali, evitandogli viaggi intercontinentali. L'ultima volta, oltre alle ore di aereo, per Dybala fu un inferno: virus gastrointestinale, una settimana in camere d'albergo, febbre e altri sintomi poco piacevoli. Nel frattempo, lavorando alla Continassa, Alvaro Morata aveva trovato la forma brillante con cui si è disimpegnato nelle ultime tre settimane. Dybala potrebbe imitarlo da lunedì in poi.

Commenti