Juve, rivoluzione Rabiot! Da esubero a colonna

Le tensioni estive per la mancata cessione sono alle spalle: per Allegri è intoccabile. Ma il rinnovo…
Juve, rivoluzione Rabiot! Da esubero a colonna© LAPRESSE

TORINO - Come può cambiare lo scenario nel calcio in poco più di un mese: chiedetelo ad Adrien Rabiot. La prestazione da guida del centrocampo, al fianco di Manuel Locatelli, domenica sera contro il Bologna è la punta dell’iceberg di una vera e propria rivoluzione per il francese, passato, da agosto a ottobre, dalla scomoda posizione di esubero rimasto nonostante la possibilità di andare altrove al ruolo di titolare fondamentale per Massimiliano Allegri. Attenzione: sulla posizione del tecnico bisogna avanzare una doverosa premessa. L’allenatore non ha mai messo in dubbio l’importanza del centrocampista francese nelle rotazioni bianconere e nemmeno il suo valore tecnico: né nella passata stagione, né nell’ultima, movimentata estate. Semmai è il mercato che ha creato la possibilità di vedere le strade di Rabiot e della Juventus dividersi.

Juve-Bologna, le pagelle: super Bremer. Milik, che sventola!
Guarda la gallery
Juve-Bologna, le pagelle: super Bremer. Milik, che sventola!

Juve, Rabiot colonna del centrocampo

E che possibilità: il Manchester United è addirittura arrivato a Torino per convincere il giocatore e la mamma-agente Veronique Rabiot della bontà del progetto inglese. Non se ne è fatto nulla e dalle parti della Continassa hanno dovuto rinunciare a un’operazione che avrebbe portato nelle casse bianconere una cifra vicina ai 20 milioni di euro, per di più per un calciatore in scadenza di contratto a giugno e dunque libero di accasarsi altrove a parametro zero nella prossima stagione. Nel precampionato poi l’ex Psg sembrava destinato a vivere una situazione da separato in casa, dopo aver saltato la tournée negli Stati Uniti per motivi personali: in realtà per Allegri è sempre stato un punto fermo, al netto delle decisioni societarie e delle questioni contrattuali. Per comprendere l’importanza di Rabiot nello scacchiere bianconero è sufficiente citare un dato statistico relativo a questa stagione che aiuta a comprendere l’equilibrio che il francese garantisce: con lui in campo, in circa 300 minuti, la Juventus non ha mai incassato gol. Con il Bologna si è visto il dinamismo che lo ha reso importante anche nella Nazionale francese: anche la spinta della partecipazione al Mondiale è un incentivo in più, per Rabiot, per continuare a schiacciare sul pedale dell’acceleratore nella Juventus, dopo aver recuperato dall’infortunio.

Rabiot, Allegri se lo tiene stretto

Ma la situazione contrattuale resta sospesa: dopo il mancato accordo con il Manchester United, i discorsi non sono più andati avanti, né in un senso né nell’altro. Ed è onestamente difficile che le parti possano sedersi al tavolo a intavolare una trattativa per il rinnovo visto l’ingaggio del giocatore e la volontà bianconera di cambiare politica sul monte ingaggi. Dipendesse da Allegri, Rabiot resterebbe nella Juventus ancora a lungo: intanto se lo tiene stretto.

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Juve, i migliori video

Abbonati all'offerta Black Friday

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...