Tuttosport.com

Parma, D'Aversa:
© LAPRESSE
0

Parma, D'Aversa: "Kulusevski centravanti? Quel ruolo l'ha fatto..."

L'allenatore studia la sfida con l'Inter: "Potrebbe essere il giorno di Karamoh, è un ex e questo mentalmente può contare molto. Conte è uno dei migliori allenatori al mondo"

venerdì 25 ottobre 2019

PARMA - Domani a San Siro, ospiti dell'agguerrita Inter di Antonio Conte, seconda forza del campionato, il Parma dovrà dare il meglio di sé. Il tecnico Roberto D'Aversa ha parlato in conferenza stampa: "E' una partita importante come tutte quelle di questa Serie A. Andiamo in uno stadio storico contro una squadra molto forte, vorrei che la mia squadra giochi in maniera volenterosa per metterli in difficoltà. Deve esserci la convinzione di fare il risultato, ma passa molto sia dagli avversari, sia dalla nostra voglia. C'è la soddisfazione per il risultato dell'anno scorso (decise Dimarco, nda), nonostante le difficoltà numeriche dobbiamo cercare di fare una partita con massima volontà. Chi andrà in campo avrà voglia di misurarsi contro una squadra forte". I ducali arrivano con qualche defezione di troppo, tra cui quella di Cornelius: "Grassi considerarlo tra gli infortunati è un errore. Per quanto riguarda le altre situazioni, abbiamo per sfortuna gli infortuni di Laurini e Inglese, per la dinamica pensavamo che Roberto ne avesse per più tempo. Cornelius aveva subìto un colpo in nazionale, ce ne siamo accorti solo dopo. Per quanto riguarda il numero di giocatori della rosa, sapevamo che era corta".

Il discorso si sposta poi sugli avversari: "L'Inter sfrutta bene le ampiezze, cerca le verticalizzazioni sulle punte che collaborano bene. Dobbiamo considerare le loro qualità e che abbiamo contro uno dei migliori allenatori al mondo. Cambi di formazione? Avendo cinque difensori potete immaginare lo schieramento dietro. Non avendo un centravanti di punta si può pensare a qualcuno con caratteristiche diverse. Kulusevski quel ruolo lo ha fatto. Sia Karamoh che Sprocati meriterebbero di giocare. Potrebbe essere il giorno di Yann. Magari anche sotto l'aspetto mentale può contare molto, essendo un ex. Meglio due punti in due partite o tre in due? Quello che cerchiamo di fare è di affrontare ogni singolo impegno con la voglia di ottimizzare ogni singola partita. Non posso pensare al turnover, in questo momento partiamo che siamo in 15-16, cercherò di mettere domani la miglior formazione possibile. Nel calcio non c'è niente di impossibile, poi penseremo alla partita col Verona". Sulla possibilità di aggregare qualche Primavera alla prima squadra, D'Aversa è cauto: "Adorante va a giocare con la Primavera perché non è ancora in condizione, Camara questa notte ha avuto un problema ed è andato al pronto soccorso. Le scelte poi non si fanno in base al settore giovanile, per esempio Esposito è entrato in Champions, è un giocatore pronto, per quanto riguarda l'allenatore. Laddove un giocatore mi dimostra che può far parte di questo gruppo ci entrerà, ad oggi quello che in prospettiva può darmi questo qualcosa è Camara. Adorante ha bisogno di una certa condizione fisica".

Serie A parma Inter daversa

Caricamento...