Torino, la replica di Cairo: "Ve lo dico io chi è Ciro Immobile"

Il presidente granata risponde alle accuse ricevute dall'attaccante della Lazio poi lancia un messaggio distensivo: "Spero faccia tanti gol agli Europei"

Torino, la replica di Cairo: "Ve lo dico io chi è Ciro Immobile"

TORINO - Intorno alla mezzanotte di ieri, attraverso un post su Instagram, Ciro Immobile ha attaccato pesantemente il presidente del Torino, Urbano Cairo. Il giocatore della Lazio - al termine della partita finita 0-0 a Roma che ha consentito al club granata di salvarsi - lo ha accusato di un'aggressione verbale subita nello spogliatoio, usando toni particolarmente aspri. Poco dopo è arriva la replica del diretto interessato, sia sotto il profilo dell'attaccante, sia sul proprio profilo ufficiale sui social: "Ciro Immobile mi ha attaccato dal suo profilo Instagram dopo la partita con la Lazio. Ho risposto al suo post e pubblico il testo anche qui. Ciro Immobile mi accusa di averlo affrontato a fine gara e sostiene che tutti sanno chi è Ciro Immobile. Ebbene...: anch’io so chi è Ciro Immobile".

Festa Torino all’Olimpico: 0-0 con la Lazio
Guarda la gallery
Festa Torino all’Olimpico: 0-0 con la Lazio

Cairo replica a Immobile

Il post di Cairo prosegue: "Un calciatore che è venuto al Torino dopo un campionato deludente al Genoa per rilanciarsi. Ventura gli ha dato fiducia e lui ha fatto bene al Toro. Io pensavo che rimanesse volentieri almeno un altro anno e lui, Ciro Immobile, invece ha fatto il diavolo a quattro per andare al Borussia Dortmund. Ha avuto un'altra stagione deludente e il Borussia lo ha prestato al Siviglia. Anche lì, Ciro Immobile, non è andato bene e allora mi ha telefonato e mi ha chiesto per favore di tornare al Toro. Io, che gli ero affezionato, l’ho accontentato. Ha fatto un girone di ritorno non molto brillante, ma io che, ci tenevo molto a lui, lo avrei voluto riscattare comunque. Ma lui, Ciro Immobile, questa volta non mi ha chiamato personalmente, ma mi ha fatto dire dal suo procuratore, che per motivi personali non poteva restare a Torino. E allora non l’ho riscattato perché ho capito chi è Ciro Immobile...".

Cairo e il messaggio di pace a Immobile

Poi, interpellato dall'Adnkronos dopo alcune ore, Cairo abbassa i toni della polemica: "Quella di ieri era una partita con livelli di tensione molto molto alti, come s'è visto, e per noi era molto importante. Per me il fatto che si giochi con il sangue agli occhi va benissimo, fa parte dell'agonismo: si fa così e la Lazio ha onorato il campionato. Ma non è leale buttarsi per cercare un rigore quando non c'è, questo non si fa". Quindi lancia un messaggio di pace: "Ho avuto Immobile come giocatore, gli ero e gli sono molto affezionato, per me è un pupillo e l'ho sempre portato in palmo di mano. Per me finisce qui, farò il tifo per Immobile agli Europei, gli auguro di segnare tanti gol e il meglio per lui e la sua famiglia".

Lazio-Torino, Cairo: "Buttarsi a terra e chiedere rigore non è correttezza"

Il numero uno granata, poi, ai microfoni di Radio 24 ha chiarito: "Giocare col sangue agli occhio lo devono fare tutti ma, quando vedo un giocatore bravo come Immobile buttarsi a terra e chiedere un rigore, quella non è correttezza. L'impegno ci vuole al 100%, tant'è che ho fatto i complimenti alla Lazio per come ha giocato e ha onorato il campionato. Quel che non mi è piaciuto è stata qualche caduta di troppo, qualche protesta di troppo".

Toro, il clamoroso video in cui Cairo insulta la sindaca Appendino!
Guarda il video
Toro, il clamoroso video in cui Cairo insulta la sindaca Appendino!

Super Offerta sull'Edizione Digitale

La nostra offerta per il Black Friday!

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...