Torino, Dell’Aquila ha stregato Juric

Il tecnico sta seguendo con attenzione l’attaccante diciottenne del settore giovanile granata: presto potrebbe lanciarlo in Serie A
Torino, Dell’Aquila ha stregato Juric© /Ag. Aldo Liverani Sas

TORINO - L'attenzione nei confronti dei giovani è ormai un diktat in casa Toro. Una missione iniziata già 15 mesi fa con l'approdo di Ivan Juric, allenatore virtuoso per eccellenza, soprattutto perché il materiale che ha a disposizione è quasi sempre grezzo, dunque facilmente modellabile per le sue idee di calcio. Basti ripercorrere il lavoro svolto nel suo biennio alla guida del Verona: Dimarco, Rrahmani, Kumbulla, Amrabat e tanti altri sono diventati grandi proprio sotto la gestione Juric. Sono arrivati da sconosciuti e sono andati via a suon di milioni, incassati dal presidente scaligero Maurizio Setti. L'intenzione del Toro è ormai quella: cercare talenti da forgiare, farli maturare al Filadelfia e poi permettere loro di spiccare il volo al momento giusto, ovviamente non alla prima tentazione di mercato. Il mirino della società, tuttavia, non è puntato soltanto sulla prima squadra, ma anche sulla Primavera e a cascata sulle categorie giovanili. Il primo nome della lista, quello potenzialmente più vicino a finire nel giro dei grandi nei prossimi mesi, è Francesco Dell'Aquila. Un ragazzo che ha già impressionato nell'avvio di campionato scintillante dell'Under 19 granata: tre gol in cinque partite, di cui due alla corazzata Atalanta (ora in grande difficoltà, ma rimane sempre una big di questa categoria) e uno al Cesena, realizzato da centrocampo con una magia che ha letteralmente conquistato il Piola di Vercelli. Roba da rimanere a bocca aperta, per un attaccante che sta ancora ricercando la migliore condizione fisica.

Il derby è servito: con la maglia della Serbia
Guarda la gallery
Il derby è servito: con la maglia della Serbia


In settimana ha avuto modo di allenarsi con la prima squadra, impressionando in chiave positiva anche Juric, sempre attento ai giocatori giovani ed estrosi. Quelli che saltano l’uomo, quelli che creano superiorità numerica con una giocata, quelli che sanno infiammare il pubblico ogni volta che toccano palla. Dell’Aquila è fatto di questa materia, pur essendo ancora acerbo. Ovviamente è presto per sbilanciarsi in maniera esageratamente netta: la stagione è appena cominciata e i margini di miglioramento del ragazzo sono enormi, da coltivare settimana dopo settimana. Ma intanto l’ex Spal è già finito sul taccuino di Juric: non è cosa da poco, visto che il tecnico croato è solitamente molto esigente anche con la linea verde. La scoperta di Dell’Aquila, però, ha una paternità definita. Il merito è tutto di Ruggero Ludergnani, bravo a suggerire a Vagnati di inserire il suo cartellino nella trattativa che ha portato Demba Seck dall’Emilia per quasi 5 milioni di euro. Intuizione risalente a gennaio, rivelatasi vincente nel tempo: il classe 2004 è rimasto alla Spal ancora per sei mesi, trascinando l’Under 18 alla vittoria dello Scudetto nella storica finalissima contro il Bologna. Ultimo atto in cui ha messo a segno la doppietta decisiva. Cartolina d’addio, ma anche biglietto da visita da urlo per il Toro, che lo ha accolto a braccia aperte. Scurto ci sta lavorando: sul piano fisico sta crescendo e alla ripresa, nel derby contro la Juventus, ci si aspetta che il bomber punga i cugini bianconeri. Farebbe molto felice anche Juric, che osserverà scrupolosamente ogni singola tappa del suo percorso di crescita.

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...