Torino, obiettivo Zapata: esercizi speciali per il gol

Juric e il preparatore Barbero hanno studiato un piano. Allenamenti individuali per velocizzare i tempi di esecuzione: scatti, tiri, colpi di testa
Torino, obiettivo Zapata: esercizi speciali per il gol© Marco Canoniero

Un solo gol, ma tante prestazioni confortanti. L’ultima a Monza dove ha servito l’assist a Ilic e tenuto sotto pressione la difesa di Palladino con la sua prestanza fisica. Duvan Zapata non ha deluso le aspettative, ma adesso il Toro gli chiede anche i gol, quelli che segnava in un passato neppure troppo lontano. Obiettivo: superare la doppia cifra.
Ma procediamo con ordine. Il primo settembre, un po’ a sorpresa, Zapata passò al Toro. Arrivò in granata in condizioni fisiche precarie, ma con ottimi propositi: "Sono qui per aiutare il Toro". E lo stesso Juric, qualche giorno dopo, ammise: "Con Duvan faremo un lavoro particolare che eviti gli infortuni che ha avuto a Bergamo. Vogliamo portarlo nella condizione dei suoi anni più belli all’Atalanta, quando segnava tante reti". Detto, fatto. L’inizio del lavoro mirato è stato eseguito nella prima pausa riservata alle nazionali, il secondo è cominciato ieri. Nel primo periodo, il colombiano ha lavorato molto sulla parte fisica: massa muscolare e potenza, soprattutto. Da ieri è iniziata la fase di scarico che lo dovrebbe portare ad essere più esplosivo, agile dentro l’area di rigore, rapido nei movimenti, pronto a scattare o a girarsi per concludere in porta. Tanti tiri, da tutte le posizioni, e colpi di testa. Un lavoro studiato dal responsabile della preparazione fisica Barbero e da Juric. Duvan, dunque, lavorerà molto con gli elastici e trascinerà pesi per più metri proprio per... snellire e velocizzare i suoi movimenti.

Obiettivo doppia cifra

Detto questo, Duvan Zapata è diventato un trascinatore anche senza fare i gol. L’attaccante colombiano ha conquistato il mondo granata, nonostante sia fermo alla rete realizzata alla Roma il 24 settembre, che valse al Toro il punto del pari. "La mia missione personale è tornare in doppia cifra dopo un’annata condizionata da noie muscolari", aveva dichiarato nel giorno della presentazione. E difatti sta dando un apporto significativo e soprattutto continuo. A Monza - lo ricordiamo - è stato il migliore in campo: basti pensare agli assist per i gol di Rodriguez (erroneamente annullato dall’arbitro) e Ilic, ma soprattutto le tante palle difese dagli interventi degli avversari in maniera che la squadra potesse risalire il campo e la difesa respirare. In più, alcune sue conclusioni pericolose in porta. Un comportamento che piace tantissimo a Juric, che ai suoi attaccanti chiede di tornare nei momenti di difficoltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zapata, i gol per l'Europa

E Zapata lo sta facendo, anche più di quello che gli aveva chiesto il tecnico croato. Con il modulo delle due punte (Sanabria o Pellegri al suo fianco) si trova meglio, visto che a Bergamo spesso aveva vicino Muriel e i due hanno realizzato assieme una quantità industriale di gol. Con il nuovo programma di allenamenti, confezionato per lui, limiterà al minimo gli arretramenti in maniera di essere più fresco, quindi più lucido, in zona gol. Alla ripresa del campionato, con la trasferta di Bologna, secondo i programmi Zapata dovrebbe essere al top della condizione, pronto ad essere decisivo anche in zona gol. E se il colombiano si metterà anche a segnare, oltre a quello che sta facendo, per il Toro si apriranno scenari davvero interessanti vista la classifica che, senza sviste arbitrali, poteva già essere quasi... da Europa. Ma c’è tempo per riprendersi quello che è stato tolto. Soprattutto con i gol di Duvan. Che arriveranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un solo gol, ma tante prestazioni confortanti. L’ultima a Monza dove ha servito l’assist a Ilic e tenuto sotto pressione la difesa di Palladino con la sua prestanza fisica. Duvan Zapata non ha deluso le aspettative, ma adesso il Toro gli chiede anche i gol, quelli che segnava in un passato neppure troppo lontano. Obiettivo: superare la doppia cifra.
Ma procediamo con ordine. Il primo settembre, un po’ a sorpresa, Zapata passò al Toro. Arrivò in granata in condizioni fisiche precarie, ma con ottimi propositi: "Sono qui per aiutare il Toro". E lo stesso Juric, qualche giorno dopo, ammise: "Con Duvan faremo un lavoro particolare che eviti gli infortuni che ha avuto a Bergamo. Vogliamo portarlo nella condizione dei suoi anni più belli all’Atalanta, quando segnava tante reti". Detto, fatto. L’inizio del lavoro mirato è stato eseguito nella prima pausa riservata alle nazionali, il secondo è cominciato ieri. Nel primo periodo, il colombiano ha lavorato molto sulla parte fisica: massa muscolare e potenza, soprattutto. Da ieri è iniziata la fase di scarico che lo dovrebbe portare ad essere più esplosivo, agile dentro l’area di rigore, rapido nei movimenti, pronto a scattare o a girarsi per concludere in porta. Tanti tiri, da tutte le posizioni, e colpi di testa. Un lavoro studiato dal responsabile della preparazione fisica Barbero e da Juric. Duvan, dunque, lavorerà molto con gli elastici e trascinerà pesi per più metri proprio per... snellire e velocizzare i suoi movimenti.

Obiettivo doppia cifra

Detto questo, Duvan Zapata è diventato un trascinatore anche senza fare i gol. L’attaccante colombiano ha conquistato il mondo granata, nonostante sia fermo alla rete realizzata alla Roma il 24 settembre, che valse al Toro il punto del pari. "La mia missione personale è tornare in doppia cifra dopo un’annata condizionata da noie muscolari", aveva dichiarato nel giorno della presentazione. E difatti sta dando un apporto significativo e soprattutto continuo. A Monza - lo ricordiamo - è stato il migliore in campo: basti pensare agli assist per i gol di Rodriguez (erroneamente annullato dall’arbitro) e Ilic, ma soprattutto le tante palle difese dagli interventi degli avversari in maniera che la squadra potesse risalire il campo e la difesa respirare. In più, alcune sue conclusioni pericolose in porta. Un comportamento che piace tantissimo a Juric, che ai suoi attaccanti chiede di tornare nei momenti di difficoltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...
1
Torino, obiettivo Zapata: esercizi speciali per il gol
2
Zapata, i gol per l'Europa