E-sports, un boom che non si ferma

Grande successo anche durante il lockdown. Prende il via domani la Milan Games Week, il piu? importante appuntamento italiano di videogiochi. Manifestazione da 160mila spettatori che quest’anno ha scelto il digitale

E-sports, un boom che non si ferma© Getty Images

MILANO - Inarrestabili esports. Secondo l’ultimo rapporto di IIDEA (associazione dell’industria dei videogiochi in Italia) e Nielsen, nel nostro Paese 466 mila persone seguono quotidianamente eventi di giochi sportivi elettronici; un bacino che si espande a 1.400.000 persone se si considerano coloro che guardano le competizioni più volte a settimana Si tratta di un pubblico principalmente maschile (58%), ma cresce il numero delle donne (42%), con un livello di istruzione medio alto e una media d’età di 29 anni: un target adulto e con elevato potere di spesa. Il valore degli esports su scala mondiale aveva toccato, nel 2019, 1,1 miliardi di dollari con investimenti di grandi sponsor (McDonald’s, Coca-Cola, Adidas, Red Bull), club calcistici (Juve, Roma, Inter, Milan, Paris St Germain, Barcellona, Schalke 04, ecc.), star dello sport (Kevin Durant, Ronaldinho, “MagicJohnson, Gullit, Griezmann, Totti, Alonso, Ronaldo, Piquè, De Rossi, Florenzi, ecc.), televisioni/broadcaster e merchandising. Si stima che nel 2022 il business varrà 1,8 miliardi di dollari. Altro che roba per ragazzini scalmanati smanettoni da console, i videogame per molti sono un lavoro. In Corea del Sud parliamo di sport nazionale, mentre il più famoso giocatore di esports è Richard Tyler Blevins, detto Ninja, 28 anni, campione di Fortnite su Twitch (la principale piattaforma online di esports). I suoi follower son 16,2 milioni su Twitch e 24,1 milioni su YouTube e lo streamer dell’Illinois, secondo Forbes, guadagna 17 milioni di dollari l’anno e ha fatto schizzare a 3 miliardi di dollari il business della Epic Games (la software house che ha sviluppato Fortnite). Una star degna di Messi e CR7.

Il Team Nigma vince il WePlay! Tug of War di Dota 2 - GALLERY
Guarda la gallery
Il Team Nigma vince il WePlay! Tug of War di Dota 2 - GALLERY

Milan Games Week

Il settore esports è tra i pochi segmenti dell’intrattenimento che sono cresciuti durante il lockdown. E proprio per la pandemia ha scelto il digitale anche la Milan Games Week, il più importante evento italiano sui videogiochi, organizzato dalla Fandango Club Spa. Una manifestazione da 160mila visitatori a Fiera Milano Rho che quest’anno rappresenterà la sua decima edizione in streaming su Twitch dal 26 al 29 novembre con un palinsesto pazzesco: 6 canali (2 per gli esports), oltre 150 ospiti e 200 ore di trasmissioni in diretta. Le info su www.milangamesweek.it. «Ci saranno anteprime di giochi, gameplay, streamer, infuencer e showmatch tra pro-player, ma pure momenti legati a fumetti, comics e libri - spiega Michele Budelli, amministratore delegato di Fandango Club - . Avremo tra gli ospiti Zerocalcare, Autogol e Max Biaggi con l’Aprilia Racing Esports. Partner della Milan Games Week è Radio 105 che inaugurerà il suo canale Twitch”. L’Inter, dopo l’annuncio della sua squadra eSports, che prenderà parte alle gare di FIFA21, sarà alla Milan Games Week venerdì alle ore 19 con Stefan De Vrij, Milan Skriniar e Stefano Sensi che proveranno 3 videogiochi (Griefhelm, King of Seas, Run to Marble Race). Domenica 29 alle ore 18.20 andranno in scena due amichevoli con i pro-player di Inter eSports: il brasiliano Pedro Resende sfiderà Gabriel PN del team R10 di Ronaldinho, mentre Manoel Neto giocherà contro Cosimo Guarneri del team HC9 di Hernan Crespo. Gli esports vogliono essere disciplina olimpica. C’è chi parla di Tokyo 2021, più verosimilmente sarà per Parigi 2024 o Los Angeles 2028. 

Dallara Esports Championship VIDEO
Guarda il video
Dallara Esports Championship VIDEO

Commenti