Tuttosport.com

Nasce a Roma il bike sharing Uber Jump
0

Nasce a Roma il bike sharing Uber Jump

Copre un'area di 57 chilometri quadrati, costa 20 centesimi al minuto e si può parcheggiare ovunque con lucchetto retrattile: il servizio è stato attivato lunedì 21 ottobre. Ma purtroppo non mancano i primi problemi

venerdì 25 ottobre 2019

Prima oBike, esperimento iniziale di bike sharing fallito dopo pochi mesi con il risultato di tantissime bici vandalizzate e gettate nel Tevere. Adesso, Roma ci riprova con Uber Jump, nuovo servizio attivo dal 21 ottobre organizzato dalla società americana specializzata in autonoleggio con tassista e cibo a domicilio.

Harley-Davidson valuta lo scooter sharing

ROMA PER PRIMA - La sindaca Raggi ha annunciato il via del bike sharing con un video su Twitter, perché Roma è la prima città italiana a godere del nuovo servizio. Le bici elettriche dotate di pedalata assistita sono al momento 700, con la previsione di diventare 2.800 nel giro di qualche settimana. L’area dedicata è di 57 km2 e il servizio costa 20 centesimi al minuto, più 50 centesimi per sbloccare la bici. È possibile parcheggiare ovunque, senza postazioni obbligate, anche se Uber consiglia di legarle ad una rastrelliera tramite l’apposito lucchetto retrattile.

Novità ecobonus: anche moto e microcar green nel decreto

POLEMICHE - Inaugurato il servizio, sono arrivate le prime polemiche: sui social diversi utenti hanno lamentato il costo eccessivo e il fatto che l’area in cui è possibile utilizzare le biciclette è ristretta solo al centro della Capitale. C’è disillusione sull’effettiva utilità del bike sharing e sulla sua “incolumità”.

DANNI SUBITO - Infatti non è tardata ad arrivare la prima notizia di biciclette vandalizzate. La sera stessa dell’inaugurazione, nella zona della Bocca della Verità sono state trovate delle bici rovinate al terreno per opera, non si sa se volontaria o meno, di ignoti. I mezzi non erano stati legati con il sistema retrattile di Uber, pensato proprio per ridurre il rischio di danneggiamenti, ma in ogni caso l’inizio non è confortante. C’è tempo per migliorare il servizio adattandolo alle richieste degli utenti e allargando le zone di competenza, così come c’è tempo per diventare più civili; purtroppo a non avere rispetto si fa molto più in fretta.

EICMA 2019, ispirazione astronomica per la 77.a edizione

bike sharing Roma uber jump

Caricamento...