Tuttosport.com

Tesla, aumento capitale di 2 miliardi di dollari

0

Il Marchio di Elon Musk ha bisogno di maggior solidità patrimoniale per i suoi investimenti. Intanto si parte dal lancio a marzo, negli USA, del Model Y che dovrebbe segnare il "salto" definitivo

Tesla, aumento capitale di 2 miliardi di dollari
venerdì 14 febbraio 2020

Tesla vuole garanzie per il prossimo futuro. La Casa californiana sonda un incremento di capitale del valore di 2 miliardi di dollari, al cambio oltre 1,8 miliardi di euro.

L’operato arriva piuttosto a ridosso di quello precedente (maggio 2019), e potrebbe anche portare 300 milioni di dollari in più, poiché gli investitori avranno l’opzione di esercitare entra un mese l’acquisto di titoli supplementari.

Tesla Model 3, l'analisi di una delle finaliste di Car of the Year

Tesla a maggio 2019 aveva incassato 2,7 miliardi di dollari, ma servono altri liquidi. I prossimi passi saranno cruciali per l’azienda di Elon Musk.

Gli investimenti fuori dall’Europa, con la GigaFactory a Shanghai in Cina e la costruzione di quella in Germania, sono ingenti. Senza contare che a marzo sarà lanciata negli USA Model Y (attesa in Italia a inizio 2021), il SUV medio, modello nodale per il “salto” definitivo di Tesla come costruttore di grandi volumi.

Tesla Model Y, il primo esemplare è realtà

Nel 2019 il Marchio ha consegnato 367.500 vetture, più che nel 2018 e nel 2017 assieme: la corsa continua, ma servono fondi. In cantiere ci sono anche le più esclusive Roadster, chiamata a umiliare le supercar con l’annunciato 0-100 in 1,9 secondi, e Cybertruck.

Stato patrimoniale solido

Molta carne al fuoco. Tesla ha bisogno di avere uno stato patrimoniale solido e flessibile per affrontare i prossimi anni, anzi i prossimi mesi. Musk stesso, che detiene il 20% delle quote dell’azienda, acquisterà altri 20 milioni di dollari di azioni.

Numerosi istituti bancari, tra i quali Bank of America, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Deutsche Bank, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Société générale e Wells Fargo, sosteranno l’azienda nella operazione, anche se l’annuncio è arrivato a sorpresa.

La situazione in ogni modo è più rosea rispetto a fine 2018, quando l’industrializzazione di Model 3 faticava a ingranare. Nel giugno 2019 le azioni di Tesla valevano 180 dollari, sono poi salite quasi a mille, per stabilizzarsi ora oltre i 700 dollari. La strada è ancora lunga, Tesla avrà altri ostacoli ma il mercato azionario sembra sempre credere profondamente nel progetto.

Tesla citycar elettrica: svelato il primo bozzetto

Tesla Elon Musk Gigafactory

Caricamento...