Automobilista a 85 km/h, ma l'autovelox lo beffa e segna il doppio

In Svizzera un uomo è stato "flashato" a una erronea velocità, 175 km/h. In realtà è stato uno sbaglio dell'apparecchio elettronico

Anche gli autovelox sbagliano, ormai è risaputo. Non capita spesso, ma alcuni sfortunati automobilisti si sono visti recapitare multe da capogiro per infrazioni ai limiti di velocità non commessi e causati, invece, da un errore dell’apparecchio elettronico. Anche nella presissima e puntualissima Svizzera capitano cose del genere. Un uomo è stato erroneamente beccato dall’autovelox mentre andava alla velocità di 175 km/h, all’altezza dell’entrata sull’A1, direzione Ticino, dove il limite massimo è 100. Niente di più sbagliato!

Autovelox e pedoni: arriva il nuovo Codice della Strada

Stava andando a 85 km/h

L’automobilista, al momento del flash, si trovava dietro a un camion e stava andando alla velocità di 85 km/h, rispettando perfettamente il limite. Immaginate la sua rabbia nel ricevere la sanzione. In Svizzera, inoltre, per una violazione del genere le conseguenze sono davvero amare: al ritiro della patente seguono il sequestro dell’auto e l’arresto del conducente. Proprio per questi motivi, il povero automobilista ha immediatamente contestato la multa e spiegato la dinamica, affermando di trovarsi dietro un camion e che quindi sarebbe stato impossibile guidare a quella folle velocità. Qualche settimana dopo, per fortuna, è arrivata la telefonata più attesa: l’errore è stato dell’autovelox che aveva misurato per due volte la velocità (a causa della vicinanza tra auto e camion) sommandola e facendo scrivere sul verbale ben 175 km/h.

Folle velocità sulla A5: 240 km/h e 900 euro di multa

Commenti