De Laurentiis e l'incontro con Spalletti e Giuntoli: cosa è successo

Il presidente del Napoli ha ritrovato, alla serata del Gran Galà del Calcio Aic, i due grandi ex, l'allenatore e il direttore sportivo artefici dello Scudetto della scorsa stagione: i dettagli

MILANO - "Tu mi devi sempre invitare in campagna, eh?". Rompe così il ghiaccio, durante la serata del Gran Galà del Calcio Aic, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis con il ct della Nazionale italiana Luciano Spalletti, artefice della splendida cavalcata del club azzurro dello scorso anno: "Una bella rimpatriata per lo Scudetto del Napoli. Tanto fino a marzo non hai molto da fare con la Nazionale... È difficile allenare la Nazionale, eh?", aggiunge ironicamente il numero uno della società campana, mentre l'allenatore toscano sorride e annuisce. Spettatori del siparietto anche Edoardo, il figlio di Aurelio, e Cristiano Giuntoli che, come Spalletti, ha abbandonato il Napoli neo-Campione d'Italia la scorsa estate per abbracciare il progetto della Juventus.

De Laurentiis-Spalletti, il precedente

De Laurentiis e Spalletti scherzano e si stringono la mano, mettendo così un punto alle polemiche susseguitesi a seguito dell'addio del tecnico ex Roma e Inter al Napoli al termine della stagione culminata con lo Scudetto. "Mi prenderò un anno sabbatico", disse, mandando così su tutte le furie il presidente degli azzurri quando divenne di dominio pubblico la notizia dell'accordo con la Nazionale. Adl cercò di mandare all'aria la trattativa, rifiutandosi di concedere all'allenatore toscano la rescissione del contratto, salvo poi tornare sui propri passi alcune settimane più tardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le parole di De Laurentiis

"È stato un anno indimenticabile, siamo riusciti a regalare a questa città un sogno. Con Spalletti è stato un matrimonio felice". Lo ha dichiarato il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis durante la premiazione al Gran Galà del Calcio Aic: gli azzurri, infatti, sono stati premiati come miglior squadra: "Ringrazio i tifosi del Napoli che meritano questo Scudetto".

Le parole di Spalletti su Napoli e Inter

"Napoli? Io stasera ricevo un premio per la vittoria del campionato dell'anno scorso, la squadra è quello che mi ha permesso di essere qui. Anche ieri sera il Napoli si è visto giocare contro una squadra fortissima, ha giocato una partita buonissima e il risultato finale non è reale per quello che si è visto". Lo ha detto il ct dell'Italia Luciano Spalletti, intervenuto a margine del Gran Galà del Calcio AIC: "È giusto che l'Inter sia prima in classifica per quello che ha fatto vedere. Gli vedo molte qualità, una squadra matura che ha rapporto, che è in relazione. Mi sembra una squadra matura in quelli che sono comportamenti tra di loro che sono in campo - ha aggiunto -. Per il momento l'Inter è in testa meritatamente".

Le parole di Spalletti sull'Italia a Euro2024

"Vedendo il girone potevano essere partite da quarti di finale, però poi tanto tutti i nodi vengono al pettine. Dobbiamo fare l'Italia, siamo l'Italia per cui sono partite che dobbiamo giocare", ha aggiunto il ct della Nazionale Luciano Spalletti: "Nessuno sarà mai felice di giocare contro l'Italia. Se la guardiamo dagli occhi delle altre trovare l'Italia come avversaria di quarta fascia non può essere qualcosa che le rende felici. Noi dobbiamo andare a far vedere che livello di squadra e che livello di calcio possiamo esibire. Che Italia ho visto? Un'Italia che completa, quello di buono che ha fatto vedere in queste partite, perché per 60-70 minuti siamo stati un'ottima squadra in tutte le partite, ma poi bisogna andare avanti. Quando vai sul ring l'incontro non si decide al primo colpo, bisogna far vedere quelle che sono le nostre qualità migliori e mantenerle per 100 minuti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO - "Tu mi devi sempre invitare in campagna, eh?". Rompe così il ghiaccio, durante la serata del Gran Galà del Calcio Aic, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis con il ct della Nazionale italiana Luciano Spalletti, artefice della splendida cavalcata del club azzurro dello scorso anno: "Una bella rimpatriata per lo Scudetto del Napoli. Tanto fino a marzo non hai molto da fare con la Nazionale... È difficile allenare la Nazionale, eh?", aggiunge ironicamente il numero uno della società campana, mentre l'allenatore toscano sorride e annuisce. Spettatori del siparietto anche Edoardo, il figlio di Aurelio, e Cristiano Giuntoli che, come Spalletti, ha abbandonato il Napoli neo-Campione d'Italia la scorsa estate per abbracciare il progetto della Juventus.

De Laurentiis-Spalletti, il precedente

De Laurentiis e Spalletti scherzano e si stringono la mano, mettendo così un punto alle polemiche susseguitesi a seguito dell'addio del tecnico ex Roma e Inter al Napoli al termine della stagione culminata con lo Scudetto. "Mi prenderò un anno sabbatico", disse, mandando così su tutte le furie il presidente degli azzurri quando divenne di dominio pubblico la notizia dell'accordo con la Nazionale. Adl cercò di mandare all'aria la trattativa, rifiutandosi di concedere all'allenatore toscano la rescissione del contratto, salvo poi tornare sui propri passi alcune settimane più tardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...
1
De Laurentiis e l'incontro con Spalletti e Giuntoli: cosa è successo
2
Le parole di De Laurentiis