Italia, inginocchiarsi o no? Nessuna imposizione per i giocatori

E' il presidente della Figc Gravina a chiarire: "I calciatori potranno scegliere se aderire o meno".  E Bonucci puntualizza: "Siamo tutti antirazzisti"

Italia, inginocchiarsi o no? Nessuna imposizione per i giocatori© Getty Images

TORINO - La linea della FIGC è di lasciare totale libertà in relazione alla volontà o meno degli atleti azzurri di inginocchiarsi per aderire alle manifestazioni antirazziste del Black Lives Matter. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, afferma che "non ci sono imposizioni" e che i giocatori sono liberi di scegliere. Come hanno fatto i cinque azzurri nella gara col Galles, di fronte a una nazionale, quella britannica, che si era inginocchiata prima del via. Nelle tre gare del girone di Euro 2020 disputate, la federazione non ha mai avanzato una richiesta all'Uefa e anche per l'ottavo di finale in programma domani tra Italia e Austria si comporterà come sempre.

L'Italia unita contro il razzismo: "Antirazzisti anche se non ci inginocchiamo"

Black Lives Matter, chi si deve inginocchiare?

Belgio e Inghilterra in ginocchio, la Francia no

Belgio e Inghilterra hanno deciso in blocco di inginocchiarsi prima del calcio di inizio, ma mai la Francia, che ha la squadra maggiormente multietnica. In vista dell'Austria - e Bonucci in conferenza stampa stasera dovrebbe chiarire la posizione dei giocatori - la volontà è di presentarsi comunque uniti ed evitare che alcuni aderiscano e altri no. Lo stesso Bonucci a riguardo nei giorni scorsi aveva detto: "Siamo tutti antirazzisti".

Bonucci: "Siamo tutti contro il razzismo"
Guarda il video
Bonucci: "Siamo tutti contro il razzismo"

Abbonati a Tuttosport

Riparte la Serie A

Approfitta dell'offerta, leggi il tuo quotidiano a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...