Lukaku vittima di cori razzisti in Slavia Praga-Inter: “Basta, siamo nel 2019”

L’attaccante ha replicato nel post-partita ai tifosi cechi che lo hanno preso di mira: “La Uefa faccia qualcosa, così non va bene. Queste persone sono un modello negativo per i bambini”

Lukaku vittima di cori razzisti in Slavia Praga-Inter: “Basta, siamo nel 2019”© Inter via Getty Images

MILANO - L'Inter vola sulla Lu-La. Una straordinaria prestazione della coppia Lautaro Martinez-Lukaku ha consentito alla squadra di Conte di espugnare il campo dello Slavia Praga con un netto 3-1 e fare un passo in avanti fondamentale verso gli ottavi di finale. C’è stato però un episodio che non è passato inosservato: l’attaccante belga si era portato la mano all'orecchio dopo il gol poi annullato dal Var nel primo tempo, un'esultanza inusuale che però ha un chiaro significato ed è stato lui stesso a spiegarlo in un'intervista a Esporte Interativo. “La Uefa deve fare qualcosa per risolvere questo problema perché situazioni del genere in uno stadio non sono giuste - ha detto Lukaku -. Durante la partita mi è successo due volte e non va bene che accada. Siamo nel 2019, ci sono molti giocatori di diverse nazionalità nelle squadre e quando allo stadio vanno persone che per me si comportano in modo sbagliato loro rappresentano un esempio negativo per i bambini. Spero che ora la Uefa faccia qualcosa, perché tutto lo stadio si è comportato così dopo il primo gol di Lautaro e questo non è un bene per la gente che guarda la partita”.

Lukaku organizza una cena per i compagni di squadra
Guarda il video
Lukaku organizza una cena per i compagni di squadra

Inter, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti