Inter, Conte: "Bravo Eriksen. Hakimi out? Non è stato semplice, doveva giocare"

Il tecnico nerazzurro dopo il pareggio con il Borussia: "Non ho nulla da rimproverare ai ragazzi, ma dobbiamo migliorare"

© Inter via Getty Images

MILANO - Antonio Conte non ha molto da rimproverare alla sua Inter, a parte qualche errore che ha portato al pareggio casalingo con il Borussia Mönchengladbach, nella prima gara stagionale di Champions League. Il tecnico nerazzurro promuove Christian Eriksen, tornato titolare stasera: “Per me ha fatto una buonissima partita così come tutta la squadra - dice Conte a Sky - con impegno e applicazione. Gli abbiamo chiesto di essere più decisivo in fase di possesso, secondo me comunque ha fatto una buona partita come tutti gli altri del resto”.

Conte e il caso Hakimi

E' stata dura, nelle ore precedenti alla partita, sapere che Hakimi non avrebbe giocato perché positivo al Coronavirus: “Non è stato semplice dal punto di vista psicologico oggi ricevere la notizia di Hakimi positivo alle 17. Stamattina si è allenato con noi e oggi avrebbe dovuto giocare. I ragazzi hanno dimostrato di essere uomini prima che calciatori”. Conte poi analizza la gara: "Stasera abbiamo giocato bene contro una squadra che ha un grande potenziale, ha giocatori forti fisicamente, tecnici e veloci. Nonostante questo abbiamo fatto noi la partita. Non ricordo parate di Handanovic. Abbiamo creato occasioni per vincere la gara. Sinceramente non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Si può migliorare perché in certe situazioni ci sono degli errori e queste cose vanno migliorate". Oggi le soluzioni dalla panchina erano poche e la squadra ha chiuso un po' in affanno: "Dalla panchina potevamo fare molto poco, anche perché il primo cambio è stato di Lautaro con Sanchez. Bastoni ha fatto solo due allenamenti con noi, Brozovic veniva da un affaticamento e non c'era nemmeno Sensi. Nainggolan si è allenato ieri con noi per la prima volta".

Lukaku bomber implacabile, salva l'Inter con il Borussia Mönchengladbach
Guarda la gallery
Lukaku bomber implacabile, salva l'Inter con il Borussia Mönchengladbach

Commenti