Juve, tra assenze e mal di gol: Allegri cerca rimedi

Il tecnico bianconero studia nuove soluzioni in vista della sfida contro la Salernitana: più spazio per Kean, Kulusevski e Bernardeschi
Juve, tra assenze e mal di gol: Allegri cerca rimedi© www.imagephotoagency.it

TORINO - «Kean ha fatto gol, in quello è bravissimo. Deve migliorare nella rifinitura dell’azione». Così elogiava e pungolava il suo ventunenne attaccante Massimiliano Allegri dopo Juventus-Roma 1-0 del 17 ottobre, quinto successo consecutivo di una striscia che tre giorni dopo a San Pietroburgo sarebbe salita a sei, facendo illudere che la squadra bianconera avesse risolto i suoi problemi. Il primo dei quali, ha sottolineato il tecnico giusto venerdì alla vigilia di Juventus-Atalanta, e lo ha ribadito l’andamento della partita contro i nerazzurri, è proprio che la squadra invece a fare gol non è brava per niente. I bianconeri in campionato hanno subito due reti in meno del Milan, una in meno dell’Atalanta e due in più dell’Inter: la fase difensiva, pur non impeccabile, è in linea con quella delle squadre ai vertici della classifica, eccezion fatta per il Napoli, nettamente migliore. I 18 gol realizzati sono però quasi la metà dei 34 dell’Inter, 12 in meno dei 30 del Milan, 10 in meno dei 28 dell’Atalanta. [...]

Allegri cerca la soluzione al problema

[...] Certo è che Allegri dovrà ingegnarsi di trovare una soluzione al problema del gol, che gli infortuni di Chiesa e McKennie rischiano di aggravare. L’azzurro e il texano sono due degli otto bianconeri che hanno realizzato più di una rete: tre l’attaccante, terzo marcatore con Bonucci dopo Dybala (sei) e Morata, due il centrocampista, l’unico del reparto ad avere spiccato senso dell’inserimento. Proprio quello che manca a Bentancur, sua naturale alternativa come meZzala destra. Sempre che Allegri mantenga l’assetto con tre centrocampisti e tre giocatori offensivi. Proprio le assenze di Chiesa e McKennie potrebbero spingerlo a giocare con Dybala e uno tra Morata e Kean in attacco e due esterni dalle attitudini offensive a centrocampo: Bernardeschi e Kulusevski, nell’attesa che il recupero di De Sciglio (rientrerà dopo Salerno), gli consenta di avanzare di nuovo Cuadrado, al momento unico terzino destro a disposizione. Una maggioRe libertà al colombiano il tecnico potrebbe concederla anche schierando la difesa a tre, ma non sembra orientato a toccare l’assetto della retroguardia: d’altra parte se in avanti qualche cambiamento è imposto dalla sterilità offensiva, mettere mano anche al reparto arretrato che invece funziona abbastanza potrebbe diventare un azzardo.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione di Tuttosport

Juve, Chiesa tornerà dopo Natale
Guarda il video
Juve, Chiesa tornerà dopo Natale

Juve, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...