Juve in vetta da sola, quando la difesa va all'attacco: Bremer-Rugani gol

La squadra di Allegri si sbarazza del Cagliari con un buon secondo tempo, rischia ma lancia la sfida all'Inter. E il Frosinone di Soulé, Barrenechea e Kaio Jorge può fare un regalo ai bianconeri
Juve in vetta da sola, quando la difesa va all'attacco: Bremer-Rugani gol© Getty Images

TORINO - Con i gol di due difensori, Bremer e Rugani, entrambi su palla inattiva, la Juventus porta a casa la quinta vittoria di fila che la issa per una notte in cima alla classifica. A sporcare l’impresa c’è stato però il gol di Dossena che ha messo fine all’imbattibilità di Szczesny (durava da sei partite) e che ha restituito fiducia al Cagliari per giocarsi il tutto per tutto nel finale, fermatosi però a un palo colpito ancora da Dossena. Il canovaccio è chiaro fin dalle prime battute: la Juventus che tesse la tela dei passaggi per schiacciare gli avversari, il Cagliari che sta rannicchiato per poi ripartire (come gli è successo per due volte nei primi dieci minuti con Viola).

Juve, in attacco ci sono problemi

Il problema dei bianconeri, però, non sta tanto nelle ripartenze altrui quanto nelle proprie perché dalla tre quarti in su, quando le scelte dei protagonisti e la qualità delle giocate devono innescare la differenza, intaso di errore si alza in maniera esponenziale. E così, inevitabilmente, il predominio territoriale si rivela sterile e concede pure un paio di ripartente al Cagliari che costruisce una buona occasione su colpo di testa di Dossena al 25’. Mentre Locatelli accusa i postumi di una botta alla schiena, la Juventus cerca comunque di mantenere le tende nella trequarti cagliaritana con l’unica opportunità (glossina) a McKennie al 43’. È evidente che alla Juve serva almeno un aumento del ritmo che sopperisca alle approssimazioni tecniche e, così. La ripresa si apre nel segno della ricerca di verticalità che porta a tre occasioni di Chiesa (clamorosa l’ultima) e a un colpo di testa di gatti nel giro di 10 minuti. Il prodromo al gol di Bremer che va in cielo a colpire il cross di Kostic dopo un quarto d’ora esatto da inizio ripresa. Il pertugio costringe il Cagliari a provare un poco di manovre e ne mette a nudo l’inadeguatezza a cui si aggiunge la svagatezza che consente a Rugani di imitare il collega di reparto dopo 10 minuti.

Juve-Inter, la sfida è lanciata

Svagatezza che contagia anche la retroguardia bianconera quando consente a Dossena di segnare il primo gol in Serie A e di interrompere l’imbattibilità di Szczesny. Il segnale che la Juve ha abbassato troppo la tensione, al punto da rischiare il pari su un altro colpo di testa di Dossena. Allegri avverte la crisi dei suoi e immette energie fresche inserendo anche Nicolussi Caviglia all’esordio stagionale. La vittoria è blindata, così come la sfida all'Inter è lanciata (il Frosinone di Soulé, Barrenechea e Kaio Jorge proverà a fare un regalo ai bianconeri). In vetta è tornato il derby d'Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Juve, i migliori video

Abbonati per continuare a leggere

L'abbonamento Plus+ ti permette di leggere tutti i contenuti del sito senza limiti

Scopri ogni giorno i contenuti esclusivi come Interviste, Commenti, Analisi, le Pagelle e molto altro ancora!

Plus+

€ 5,90 /mese

Scopri l'offerta

Commenti

Loading...