Djokovic, premier Morrison: "La politica sugli ingressi non è cambiata"

Il primo ministro australiano non nasconde il suo fastidio per la vicenda legata al serbo: "Ci aspettiamo che le autorità sostengano le politiche del governo"

Djokovic, premier Morrison: "La politica sugli ingressi non è cambiata"© EPA

MELBOURNE - In attesa che il ministro dell'Immigrazione, Alex Hawke, prenda la sua decisione, il premier australiano, Scott Morrison, non nasconde il suo fastidio per il caso-Djokovic, una vicenda che si protrae ormai da giorni e che è sotto i riflettori di tutto il mondo. In una conferenza stampa sull'emergenza Covid, il primo ministro non ha risposto alle domande sul numero 1 del mondo, limitandosi a ripetere: "Dal 15 dicembre i titolari di visto idonei, completamente vaccinati, possono viaggiare in Australia e entrare negli stati che lo consentono senza quarantena".

Riecco Djokovic: allenamento a Melbourne!
Guarda la gallery
Riecco Djokovic: allenamento a Melbourne!

Morrison: "Qusta è la nostra politica"

Il primo ministro continua così: "Ma la persona deve dimostrare di essere doppiamente vaccinata o deve fornire una prova accettabile che non può sottoporsi al vaccino per motivi medici. Questa è la nostra politica che non è cambiata, ovviamente ci aspettiamo che le autorità sostengano la politica del governo quando si tratta di queste questioni" ha chiuso Scott Morrison

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...