Inter al primo ko: sgambetto Sassuolo. Napoli, riecco Osimhen e Kvaratskhelia

Dumfries porta avanti i nerazzurri di Inzaghi, rimontati nella ripresa da Bajrami e Berardi. Gli azzurri di Rudi Garcia battono 4-1 l'Udinese: a segno anche Zielinski, Simeone e Samardzic
Inter al primo ko: sgambetto Sassuolo. Napoli, riecco Osimhen e Kvaratskhelia© LAPRESSE

Si interrompe a cinque vittorie consecutive il filotto dell'Inter di Simone Inzaghi capolista in Serie A. Tra le mura amiche del Giuseppe Meazza di Milano, infatti, e nonostante il meraviglioso vantaggio siglato da Dumfries nel recupero della prima frazione di gioco, il Sassuolo di Dionisi dà continuità al successo con la Juventus e si conferma vera e propria 'ammazzagrandi'. La rimonta avviene in appena 9' nel corso della ripresa: pari di Bajrami al 54' e sorpasso di Berardi al 63'. Dopo una sconfitta e due pareggi, invece, torna alla vittoria il Napoli di Rudi Garcia e lo fa con un roboante 4-1 inflitto all'Udinese di Sottil: apre Zielinski su rigore al 19', raddoppia Osimhen al 39', tris di Kvaratskhelia al 74', Samardzic accorcia per gli ospiti all'81', quindi Simeone - pochi secondi più tardi - sigla il poker.

Inter-Sassuolo 1-2

Prima sconfitta stagionale per l'Inter, che crolla per 2-1 in casa contro il Sassuolo. I neroverdi, davanti ai settantamila di San Siro, sviluppano una prestazione ordinata, concedendo pochissimo a Lautaro e compagni nonostante l'iniziale svantaggio. Inter che imposta la sua partita provando da subito a prendere alto un Sassuolo frizzante, sempre pronto a sfruttare in ripartenza la velocità e l'imprevedibilità dei suoi interpreti offensivi. La prima vera occasione della partita ce l'ha la formazione di Inzaghi: pallone perso da Berardi e successiva percussione di Dumfries, con l'olandese che serve il cross perfetto per la testa di Thuram, bravo nella torsione che termina tuttavia a centimetri dalla traversa. Sarà lo stesso Berardi, però, a rispondere per il Sassuolo, con il servizio di tacco a cercare Toljan e la conclusione potente dal limite dell'area del terzino sulla quale deve intervenire in tuffo Sommer. Sul finire della prima frazione è però l'Inter a sbloccare il parziale, con l'ennesima iniziativa personale di Dumfries che, partendo dalla fascia di destra, converge verso l'area neroverde, punta Viti e scarica un potente sinistro sul quale Consigli non può nulla. Ripresa in cui il Sassuolo prova a rendersi nuovamente pericoloso e lo fa con lo schema da corner che favorisce il cross di Berardi e il colpo di testa di Erlic che termina a centimetri dal palo coperto da Sommer.

È però solo un campanello d'allarme per i nerazzurri che si concretizza pochi minuti più tardi, proprio con il portiere svizzero protagonista in negativo nel tentativo di disinnescare la conclusione, comunque potente, scagliata da Bajrami che buca lo stesso Sommer e fa 1-1. L'Inter non reagisce e il Sassuolo riesce addirittura a trovare il vantaggio, con la giocata personale di un ispiratissimo Berardi, che partendo da destra punta Calhanoglu, sposta il pallone sul suo mancino e scarica il tiro a giro che conclude la sua corsa in rete: 2-1 per la formazione di Dionisi e padroni di casa in difficoltà. Inzaghi prova a rivoluzionare il suo schieramento per l'ultimo quarto di gara ma all'85' gli emiliani avrebbero anche la possibilità di chiuderla, con lo scambio tra Berardi e Laurienté che trova però stavolta pronto Sommer nell'intervento a mano aperta ad evitare il 3-1. Affondi finali dell'Inter ma il risultato sorride al Sassuolo e consegna dunque agli emiliani la seconda vittoria consecutiva dopo quella conquistata per 4-2 contro la Juventus. L'Inter, invece, viene agganciata in testa alla classifica dal Milan.

Inter-Sassuolo, tabellino e statistiche

Napoli-Udinese 4-1

La grande notte di Osimhen e del suo rapporto con i tifosi partenopei inizia da uno striscione emblematico nel pre-partita ("Oltre ogni singolo comportamento il rispetto per la maglia resta il primo comandamento"). Il nigeriano risponde con un gol ma la parte del leone la fa il georgiano Kvaratskhelia: una rete, due assist e due pali nel 4-1 con cui il Napoli travolge l'Udinese permettendo anche a Rudi Garcia di tirare un sospiro di sollievo. La squadra di Sottil si difende bene in avvio, poi un contatto in area di rigore tra Kvaratskhelia e Ebosele sul quale Manganiello lascia proseguire ma il check del Var dice che è rigore. L'ex Zielinski realizza spiazzando Silvestri. Reazione friulana con Lucca per Payero, palla sul fondo (22'). Kvaratskhelia folleggia, per Osimhen che scappa a Bijol (27'): sinistro murato dal portiere avversario in corner. I campani sembrano padroni del campo. Poi, dopo una fase di stanca, al 39' arriva il raddoppio napoletano. Politano per Osimhen, tocco davanti a Silvestri e 2-0. Nella ripresa l'Udinese ci prova. Natan devia un tiro di Lovric ma è ancora Osimhen a sfiorare il terzo gol, palla fuori di pochissimo al 9'. Due minuti e Politano serve Kvaratskhelia sul fronte opposto, sinistro al volo che colpisce il montante. Sottil prova con i cambi, Kvaratskhelia timbra un altro palo (23') a Silvestri battuto. Al 29', però, errore di Bijol pressato da Kvaratskhelia che gli soffia la sfera, salta Silvestri in uscita con un pallonetto e deposita la sfera in rete per il 3-0. Titoli di coda. L'Udinese ha orgoglio. Samardzic conclude ottimamente dopo uno scambio con Success (36') portando il risultato sul 3-1. Ma passa un minuto e Simeone fa sussultare ancora il Maradona su assist di Kvaratskhelia. Samardzic è l'ultimo ad arrendersi, il triplice fischio di Manganiello sancisce la netta vittoria dei campioni d'Italia.

Napoli-Udinese, tabellino e statistiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A, i migliori video

Abbonati per continuare a leggere

L'abbonamento Plus+ ti permette di leggere tutti i contenuti del sito senza limiti

Scopri ogni giorno i contenuti esclusivi come Interviste, Commenti, Analisi, le Pagelle e molto altro ancora!

Plus+

€ 5,90 /mese

Scopri l'offerta

Commenti

Loading...