Ferguson, i retroscena: Sartori-Corvino, Motta e i tortellini di Bologna

Il jolly rossoblù, figlio e nipote d’arte, è l’ultima delle tante scoperte del Ds bolognese: si ispira a Lampard, è già nel mirino della Juventus
Ferguson, i retroscena: Sartori-Corvino, Motta e i tortellini di Bologna© Getty Images

Raccontano che Thiago Motta durante il ritiro pre-campionato in Val Pusteria per stimolarlo l’abbia sfidato: "Quest’anno devi arrivare in doppia cifra". Lewis Ferguson ha memorizzato al volo l’invito del tecnico italo-brasiliano, col chiaro intento di vincere pure questa sfida. D’altronde per chi è riuscito a segnare in una stagione ben 16 gol con l’Aberdeen nel 2021/22 tra Scottish Premier League e Scottish Cup, l’impresa appare tutt’altro che impossibile. In fondo la prima annata italiana col Bologna era già stata di altissimo livello: 7 reti da rookie che l’hanno reso immediatamente un uomo-mercato. Giovanni Sartori, che un blitz dei suoi nell’estate 2022 anticipò il collega leccese Pantaleo Corvino, ha però subito messo le cose in chiaro: Fergie non si tocca. Incedibilitá avallata immediatamente anche da Motta, che considera lo scozzese il perno della sua mediana. Avanti insieme con un obiettivo affasciante da raggiungere: riportare il Bologna in Europa a distanza di 25 anni dall’ultima volta. Missione possibile grazie agli inserimenti offensivi di Lewis, che ha già servito 3 assist e soprattutto segnato 3 gol finora. L’ultimo dei quali la settimana scorsa ha mandato al tappeto una rivale diretta per la corsa alle coppe come la Lazio.

Lazio ko, a Thiago Motta basta un guizzo di Ferguson
Guarda la gallery
Lazio ko, a Thiago Motta basta un guizzo di Ferguson

Le sirene di mercato e l'idolo Lampard

Se continua così, le sirene di mercato la prossima estate torneranno a riecheggiare ancora più forti. La Juventus (c’era Cristiano Giuntoli in tribuna al Dall’Ara venerdì scorso) lo segue già, occhio poi alle sirene inglesi con Fulham e Nottingham Forest che l’hanno messo nel mirino da tempo. All’orizzonte per il Bologna si prospetta una clamorosa plusvalenza, visto che oggi vale 4 volte tanto rispetto ai 3,5 milioni investiti per portarlo in rossoblù. Sotto le Due Torri Ferguson ha trovato l’ambiente ideale per esplodere definitivamente. Il classe 1999, infatti, sa destreggiarsi in più ruoli: da quello naturale di mezzala a quello di trequartista alle spalle di Zirkzee. Una duttilità tattica che permette a Motta di passare in corso d’opera dal 4-3-3 al 4-2-3–1 senza problemi. In fondo per chi è cresciuto divorando i video su Frank Lampard non poteva essere altrimenti. L’ex capitano del Chelsea è il suo modello di riferimento, al quale assomiglia proprio per il tempismo nel catapultarsi e farsi trovare pronto in zona-gol. Il suo agente Bill McMurdo - di talenti se ne intende visto che ha rappresentato un Pallone d’Oro come George Best - gli ha vaticinato un futuro in un top club. Fergie non ci pensa: il suo unico obiettivo è quello di portare in alto il Bologna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bologna, i migliori video

Abbonati per continuare a leggere

L'abbonamento Plus+ ti permette di leggere tutti i contenuti del sito senza limiti

Scopri ogni giorno i contenuti esclusivi come Interviste, Commenti, Analisi, le Pagelle e molto altro ancora!

Plus+

€ 5,90 /mese

Scopri l'offerta

Commenti

Loading...