Tuttosport.com

Sarri: "Con Cristiano Ronaldo ho avuto un lungo confronto"

0

Così il tecnico della Juve: "Preferisce partire da sinistra, ha segnato 700 gol giocando in quella posizione. Lite con Pjanic? È una grande bufala, ho un bel rapporto con lui"

Sarri:
© www.imagephotoagency.it
domenica 21 giugno 2020

TORINO - "Quella del litigio tra me e Pjanic è una delle più grandi bufale della stagioni. È tra i tre giocatori che ho impiegato di più, con cui ho più confronto, dialettica e con cui ho forse il rapporto migliore, è un giocatore a cui sono molto vicino e a cui devo rifarmi perchè ha un ruolo importantissimo nel centrocampo a tre. Ha fatto buone partite, anche se si è un po' spento col passare dei minuti. Non ho visto differenze tra la sua prestazione e quella dei suoi compagni. Per domani vediamo, non abbiamo tante soluzioni, visto che Khedira è fuori e Ramsey ha fatto pochi allenamenti ed è più spendibile per uno spezzone che per partire dall'inizio". Alla vigilia del match di campionato contro il Bologna, il tecnico della Juventus Maurizio Sarri, in un'intervista rilasciata ai microfoni di Sky, risponde alle voci che lo vorrebbero protagonista di un alterco avuto in allenamento col bosniaco ex Roma. 

Sarri per ora non rischia l'esonero

Sarri: "La Coppa Italia è andata, guardiamo avanti"

"È chiaro che perdere un trofeo è sempre pesante, perché dà delusione ed amarezza, però la situazione è questa. Dobbiamo voltare pagina e pensare alle prossime partite, al prossimo obiettivo. Non possiamo massacrarci, non potremo rigiocare la finale di Coppa Italia. Siamo in un post-preparazione e ci sono difficoltà. Nell'immaginario collettivo queste sono partite importanti dove conta il risultato, però dobbiamo migliorare la condizione fisica e mentale e ritrovare brillantezza. È chiaro che se stai fermo 60-70 giorni devi impostare di nuovo la preparazione fisica ed è normale che la condizione fisica non può essere massimale. Quindi vengono fuori problematiche dovute, oltretutto, ad una preparazione che non è stata normale... Nessuno sapeva quando si sarebbe ripreso, era una situazione totalmente nuova e nessuno sapeva come muoversi. Spero sia una fase transitoria".

Sarri: "Ronaldo tornerà presto formidabile"

"Segniamo pochi gol? Penso che sia un problema di brillantezza generale, perché riusciamo ad imporre una buona mole di gioco, ma che poi non è pericolosa. Non riusciamo ad uscire dalle situazioni complicate, dobbiamo migliorare la qualità del gioco, i gol arriveranno. Non posso pensare che questa squadra, dati i giocatori in rosa, possa avere a lungo problemi di realizzazione. Cristiano Ronaldo? Abbiamo parlato prima della partita con il Milan e di quella col Napoli, poi anche ieri. Lui ha fatto 700 gol partendo da sinistra, quindi è normale che la sua preferenza sia quella. In finale ho parlato coi tre davanti e poi, analizzando con loro, eravamo tutti d'accordo di partire con Dybala centrale. Ieri ho riparlato con Cristiano a lungo, perché non deve perdere fiducia. Io spero da domani, ma al massimo tra una settimana, tornerà il calciatore fantastico di sempre. Non si può essere sempre al massimo".

Sarri: "Lazio e Inter rivali Scudetto"

"Ora vediamo le reazioni dal punto di vista fisico, perché in questa fase le partite sono più dispendiose. Prima di fare scelte definitive devo vedere le reazioni. Non ho grandissime scelte davanti, ma ne ho tante sugli esterni, con Bernardeschi Cuadrado. Vediamo. Higuain? Il suo recupero completo è più importante delle eventuali soluzioni alternative. Le insidie? Ci sono in tutte le partite, ma le prime sono le più pericolose, perché non ci sono certezze sulle risposte delle squadre. Il Bologna sta facendo bene e sta giocando un buon calcio. È pericolosa quando attacca e quando gioca in ripartenza e noi dobbiamo tenerne conto, facendo una partita accorta. Lazio Inter le rivali? È chiaro, lo dice la classifica. L'Inter deve anche recuperare una partita e può tornare sotto. Sono curioso di vedere le prime 3-4 partite perché sono a rischio per tutti e possono uscire sorprese".

Sarri: "Ad Alex Sandro è andata bene"

"L'infortunio traumatico di Alex Sandro, che rivedendo l'immagine gli è andata anche bene, perché si poteva pensare a qualcosa di molto più serio. Per fortuna è molto solido ed è riuscito ad uscirne con un infortunio di non grandissima entità. In questo momento siamo con tutti destri, ma sia De Sciglio che Danilo si adattano bene a sinistra, quindi non c'è un'emergenza terzini. Quanto è importante il risultato domani? Abbiamo fatto spesso buone partite e anche dopo questa sosta i primi 20-30 col Milan sono stati di grande livello. Se riusciamo ad aumentare questo minutaggio risolviamo diversi problemi, compreso quello del gol. L'importante è crescere con le prestazioni, solo così si può ottenere il risultato pieno. Se noi in un normale post-preparazione a fine luglio-inizio agosto facciamo prestazioni di questo tipo, si dice che stiamo sulla strada buona. Io vorrei vedere prestazioni migliori, però se le gambe non rispondono al 100% non risponde neanche la mente".

Sarri Juventus Bologna Serie A Cristiano Ronaldo Pjanic

Caricamento...

La Prima Pagina