Pagina 2 | Ronaldo, causa stipendi: perché la Juve è ottimista e la differenza con Dybala

Domani nuova udienza, non sarà la prima e non necessariamente l’ultima, per il contenzioso in atto tra Cristiano Ronaldo e la Juventus in merito alla quota di stipendi non riconosciuti al portoghese dal club bianconero e riferibile alle mensilità congelate e differite nel tempo per via dell’accordo trovato nel periodo del Covid.

La “trattenuta” determinata dalla contrazione dovuta allo stop del campionato per via del Covid (Il lockdown del calcio durò oltre 100 giorni, dal 9 marzo al 22 giugno 2020) per quanto riguarda Cristiano Ronaldo sfiora i 20 milioni di euro.

Ronaldo, la Juventus e la causa stipendi: la carta segreta ce l’ha il club

Juve-Ronaldo, spettanza o no?

E il calciatore, ora stella nella Saudi League, ha bussato al club bianconero per avere quella spettanza. Ma il problema è proprio questo. Si tratta di spettanza? Perché Cristiano Ronaldo spinse per anticipare di un anno la risoluzione del contratto per approdare al Manchester United.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La liberatoria e l'ottimismo della Juve

La Juventus acconsentì alla richiesta e il giocatore per dare corso al trasferimento dovette controfirmare la solita liberatoria in cui si certifica di non avere più nulla da avere o pretendere. Ecco perché chi difende la Juventus in questo arbitrato nutre un ottimismo che ritiene essere strutturato.

Il caso Dybala

Diversa invece è stata la situazione di Paulo Dybala che, dopo essere approdato alla Roma, ha comunque ottenuto i 3 milioni circa che avanzava dalla Juventus in quanto l’argentino non aveva mai firmato liberatorie: approdò in giallorosso dopo essere diventato un giocatore svincolato con l’esaurirsi al 30 giugno del legame con il club torinese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La liberatoria e l'ottimismo della Juve

La Juventus acconsentì alla richiesta e il giocatore per dare corso al trasferimento dovette controfirmare la solita liberatoria in cui si certifica di non avere più nulla da avere o pretendere. Ecco perché chi difende la Juventus in questo arbitrato nutre un ottimismo che ritiene essere strutturato.

Il caso Dybala

Diversa invece è stata la situazione di Paulo Dybala che, dopo essere approdato alla Roma, ha comunque ottenuto i 3 milioni circa che avanzava dalla Juventus in quanto l’argentino non aveva mai firmato liberatorie: approdò in giallorosso dopo essere diventato un giocatore svincolato con l’esaurirsi al 30 giugno del legame con il club torinese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...

Juve, i migliori video