Ferrari, Binotto fa chiarezza: ecco perché Sainz non ha ceduto la posizione a Leclerc

Il team principal della Rossa ha spiegato il motivo alla base della decisione presa nel finale di gara

SAN PAOLO - Mattia Binotto ha commentato l'episodio più controverso in casa Ferrari nel GP del Brasile, penultima tappa del Mondiale di Formula 1. Negli ultimi giri di gara, Charles Leclerc ha infatti chiesto di invertire le posizioni con il compagno di squadra Carlos Sainz per guadagnare ulteriori punti su Sergio Perez, rivale per il secondo posto in classifica generale. La Rossa ha però bocciato la richiesta del monegasco, impedendogli di prendersi la posizione. A spiegarne le ragioni ci ha pensato il team principal del team di Maranello.

Il commento di Mattia

Intervenuto in conferenza stampa, Binotto ha dichiarato: "Sarebbe stato molto rischioso invertire le posizioni in quanto Charles aveva alle sue spalle Alonso e Verstappe. Inoltre, sapevamo di essere sotto investigazione per quanto avvenuto durante la Safety Car con Tsunoda. In quella circostanza avevamo ricevuto l’ok dalla direzione gara, ma mancava il verdetto definitivo perciò sarebbe stato un rischio cambiare le posizioni - ha aggiunto Mattia - Una penalità di cinque secondi avrebbe potuto comportare una perdita di più posizioni di parte di Carlos. Ai fini del campionato Costruttori, abbiamo dunque ritenuto che fosse meglio mantenere le posizioni maturate in gara" ha precisato Binotto, il quale non ha voluto correre rischi inutili, anche a costo di sacrificare (a malincuore) qualche punto in classifica generale per Leclerc.

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...