Correio de Manha: "Cristiano Ronaldo ancora positivo al Coronavirus". Resta a rischio per il Barça

Il fuoriclasse portoghese della Juve non sarebbe ancora guarito e pertanto la sua presenza per la sfida di Champions League contro i blaugrana di Messi e Pjanic resta in forte dubbio, ma c'è ancora una speranza. Ecco cosa prevede il protocollo Uefa

Correio de Manha: "Cristiano Ronaldo ancora positivo al Coronavirus". Resta a rischio per il Barça© Marco Canoniero

LISBONA (PORTOGALLO) - Cristiano Ronaldo è ancora positivo al Coronavirus. A rivelarlo è Correio de Manha, secondo cui il fuoriclasse portoghese della Juve, a una settimana di distanza dall'aver scoperto la positività al Covid, non sarebbe ancora guarito. Una brutta notizia per Pirlo in chiave Champions League? Vediamo cosa dice il protocollo Uefa

Ronaldo positivo, la notizia sui siti di tutto il mondo
Guarda la gallery
Ronaldo positivo, la notizia sui siti di tutto il mondo

Cosa prevede il protocolo Uefa

In realtà nulla è ancora detto circa la presenza o meno di Cristiano Ronaldo contro il Barcellona. In vista della partita contro il Barcellona in programma mercoledì 28 ottobre la Juventus ha inviato ieri all’ufficio preposto dell’Uefa (Uefa Protocl Advisory Panel) la documentazione medica completa di Cristiano Ronaldo: il protocollo Uefa prevede, infatti, in presenza di un giocatore contagiato, che sette giorni prima della partita sia fornita la cartella clinica. Il capitolo 7, comma 7, non chiarisce però se è necessario che una settimana prima del match ci sia anche un tampone negativo oppure sia sufficiente che il giocatore non presenti sintomi e il test negativo arrivi, insieme con quello degli altri giocatori, il giorno prima della sfida. Cristiano ieri non aveva il tampone negativo, però rientra nella seconda casistica perché non presenta alcun sintomo e potrebbe negativizzarsi da qui a martedì, giusto in tempo per il tampone, a cui si sottopone tutta la squadra, e scendere così in campo - in caso di esito negativo - mercoledì sera contro il suo rivale di sempre. Al capitolo 7, infatti, si parla di giocatore che deve essere "recovered", ovvero guarito, ma nello stesso capitolo si indica come anche dopo la guarigione possano esserci dei residui di Rna del Covid-19 in grado di rendere positivo il test. Il protocollo della Figc, a riguardo, risulta meno restrittivo perché consente a un giocatore risultato positivo al Covid-19 di scendere in campo se è tornato positivo a 24 ore dalla partita: per assurdo, Cristiano Ronaldo potrebbe avere il tampone negativo sabato e quindi, teoricamente, giocare domenica sera contro il Verona ma non poter scendere in campo in Champions perché una settimana prima della sfida ai blaugrana era ancora positivo. In attesa di chiarezza, i medici della Juventus hanno comunque prodotto tutta la documentazione necessaria.

Covid, così Ronaldo potrà sfidare Messi in Juve-Barça

CR7 "mostra" Torino dalla sua abitazione
Guarda il video
CR7 "mostra" Torino dalla sua abitazione

Juve, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...