Inter, Retegui il prescelto. Dzeko e Correa addio? E Lukaku...

Lautaro Martinez è l'unico attaccante sicuro di restare: gli scenari per tutti gli altri e l'affondo decisivo per Mateo
Inter, Retegui il prescelto. Dzeko e Correa addio? E Lukaku...© Getty Images/Getty Images/Getty Images/Marco Canoniero

L’Inter e Mateo Retegui si stanno avvicinando. Il club nerazzurro nell’ultimo anno ha seguito con grande insistenza la crescita dell’attaccante 24enne del Tigre, da marzo nuovo centravanti della Nazionale di Roberto Mancini. Osservatori dell’Inter hanno monitorato costantemente il giocatore, il vice-ds Dario Baccin lo ha visionato dal vivo più volte, sia in Argentina nel suo blitz in Sudamerica a ottobre, sia a marzo in occasione delle due gare di debutto con l’Italia, a Napoli con l’Inghilterra e a Malta contro i padroni di casa (due presenze, due gol). Anche domenica sera, in occasione della sfi da fra Boca Juniors e Tigre a La Bombonera, erano presenti in tribuna alcuni emissari del club nerazzurro. L’Inter sembra ormai aver deciso di rompere gli indugi e affondare il colpo su un giocatore che è stato promosso a pieni voti e che potrebbe integrarsi bene con gli altri interpreti dell’attacco di Simone Inzaghi.

Retegui già saluta il Tigre: l'Inter lo aspetta

Inter, reparto offensivo affollato: chi entra e chi esce

Reparto offensivo che, a oggi, vede come punto di riferimento sicuro per la prossima annata solo Lautaro Martinez: Romelu Lukaku, che vuole rimanere e che il club vorrebbe riprendere, a fi ne stagione tornerà - da contratto - al Chelsea per fine prestito, Edin Dzeko è in scadenza, mentre Joaquin Correa, per rendimento, è candidato alla cessione (preferibilmente a titolo defi nitivo, ma è ipotizzabile anche un prestito). Escludendo da questi discorsi Lukaku, il cui caso è a parte - se Inter e Chelsea troveranno l’accordo, non ci saranno dubbi sul ritorno del belga a Milano -, Retegui nei pensieri dei dirigenti andrà a prendere in rosa dunque il posto di uno fra Correa e Dzeko. Il "Tucu", attualmente infortunato e alla ricerca di un recupero per la fi nale di Champions, non ha convinto nei due anni a Milano, ma è stato pagato tanto (33 milioni) e il suo valore a bilancio il 30 giugno sarà intorno ai 18 milioni: non sarà facile piazzarlo. E Dzeko? L'Inter vorrebbe rinnovare per un altro anno, il bosniaco vorrebbe un biennale e ha off erte economicamente importanti da paesi "esotici" (Arabia Saudita, ma anche Usa): tutto verrà deciso dopo Istanbul.

Inter e Milan, con Retegui e Scamacca è caccia a nuovi gol

Retegui, l'Inter ha le idee chiare

Intanto Retegui, è arrivato a 10 gol in 15 gare nel campionato argentino (19 in 27 gare nel 2022): l’Inter per muoversi aspetta che il Tigre entro fi ne mese prenda il 50% del suo cartellino. Il giocatore, infatti, è in prestito dal Boca Juniors. Con 2.5 milioni di euro, il Tigre potrà acquistare la metà del cartellino e detenere così i diritti federali per trattare la sua eventuale cessione. C’è già un prezzo: 18 milioni, forse qualcosa meno. L’Inter ha buoni rapporti con il Tigre, lì ha mandato a giocare in prestito l’attaccante Colidio che però, stando agli ultimi rumors provenienti dall’Argentina, non dovrebbe rientrare nell’operazione Retegui. Dettagli che verranno chiariti nel momento in cui l’Inter aff onderà defi nitivamente il colpo. Di sicuro il club nerazzurro ha già la preferenza dell’attaccante, che ha dato il suo ok al trasferimento in Italia, preferendo l’Inter ad altre destinazioni - Eintracht Francoforte, per esempio -, anche per essere certo di rimanere nel giro azzurro.

Inter-Retegui, c'è il patto: Ausilio strappa la priorità sull'Eintracht

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...