Pagina 2 | Dybala: con Cristiano Ronaldo era una Juve incredibile, un dolore lasciare

Paulo Dybala, attaccante della Roma, è stato intervistato dal quotidiano spagnolo AS. La scorsa estate, l'argentino, dopo 7 stagioni con la maglia della Juventus, è stato acquistato dalla società capitolina.

Alla domanda se fosse stato difficile lasciare la Juventus, Dybala ha risposto così: "Non è stato facile ed è stato inaspettato. Qualche mese prima ho scoperto che non sarei stato preso in considerazione dal club, ma fino a pochi giorni prima la realtà era diversa. È stato un duro colpo, sono passati tanti anni ed era come casa mia. Conoscevo tutti, lo stadio, i tifosi, ero il secondo capitano...La mia idea era di continuare lì, ma nel calcio capitano queste cose, non sono stato il primo e non sarò l'ultimo. Sono e sarò grato alla società, che mi ha fatto crescere come persona e come calciatore. Sono stati sette anni molto belli".

Dybala, tra Messi e Ronaldo

Dybala ha giocato con CR7 alla Juventus e in nazionale con Messi: "Stando accanto a loro impari solo. Se sei intelligente, solo osservandoli ti rendi conto di molte cose su come funzionano, su come si prendono cura di se stessi, di ogni dettaglio. Devi cercare di assorbire, poi è difficile fare quello che fanno, perché nessuno l'ha fatto. Sono un privilegiato: ho giocato e vinto con entrambi".

Dybala e l'Arabia Saudita

Corteggiato dalla Saudi League, la Joya ha risposto così sul suo rifiuto: "Perché mi sento bene qui. Mi hanno trattato in un modo unico. Durante le vacanze ho continuato a chiacchierare con Mou ed entrambi volevamo davvero dare qualcosa in più. Siamo stati vicini al raggiungimento di un obiettivo importante e ci è rimasto quel sapore agrodolce. Mi sono sentito molto a mio agio sotto tutti gli aspetti. Fare le cose bene qui mi aiuterà ad essere a vincere il trofeo che mi manca con l'Argentina: la Copa America".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dybala e la finale contro il Siviglia

Che ricordo ha Dybala della finale contro il Siviglia? La Joya risponde così: "Molto triste. Sono arrivato in finale con quel tanto che basta a causa di una botta, ma per fortuna ho potuto esserci e dare una mano, anche se purtroppo non è bastato. Meritavamo di vincere, anche se pure il Siviglia aveva fatto un bel percorso fino alla finale. Hanno deciso i rigori. Per noi è stato un grande dolore".

Dybala, le parole su Mourinho e la Roma

Lo Special One ha etichettato l'argentino come un "ragazzo d'oro e di un'altra epoca". La Joya ha risposto così: "Che lo dica un allenatore che ha fatto numeri incredibili è un enorme piacere. Dico sempre che è il gruppo che mi fa stare bene e dare il massimo. Sono grato a lui, al suo staff e ai colleghi". Poi sulla nuova Roma ha aggiunto: "Cercheremo di migliorare in tutte le competizioni. Vogliamo dare un titolo ai tifosi, se lo meritano. Con i rinforzi arrivati ??e quelli che potrebbero arrivare, abbiamo un'ottima rosa. Cercheremo di essere più aggressivi, più profondi, con un gioco che ci dia più opzioni".

Dybala e l'ammirazione di Totti

Sulle parole di elogio che l'ex capitano giallorosso ha speso sulla Joya, Dybala ha dichiarato: "L'ho visto prima di venire, alla partita di beneficenza di Eto'o a Milano. Non abbiamo parlato molto, perché c'erano le telecamere, ma sono molto grato per le parole che ha speso per me. Qui è un dio, un mito per la gente e ha tutta la mia ammirazione". Poi sulla presentazione dello scorso anno ha aggiunto: "Dopo la conferenza, il direttore Tiago Pinto mi ha detto che ci sarebbe stata una presentazione, ma io ho immaginato si trattasse di foto e qualche video. Non avrei mai immaginato una cosa del genere. Stavamo andando in centro, siamo passati davanti al Colosseo Quadrato e ho iniziato a vedere gente con le bandiere... È stato un momento molto folle. Tutte quelle persone erano lì per me, che non avevo mai giocato per loro e veniva da un club rivale. Venivo da un momento difficile e questo mi ha dato una grande gioia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dybala e il rapporto con CR7 e Messi

Dybala ha parlato anche del rapporto con Ronaldo e Messi: "Con Cristiano ci sono stati tre anni in cui abbiamo vinto tanto e avevamo una squadra incredibile. Ho giocato con Leo per molto tempo e gli ultimi anni sono stati incredibili. Dopo tanto combattere, meritava di vincere il Mondiale ed essere incoronato come il migliore".

L'argentino segue i due camponi anche nei rispettivi campionati: "Sì, non sono sorpreso dai loro numeri.E Cristiano ha vinto un altro titolo in Arabia. Non è normale quello che fanno".

Dybala e le altre passioni extracalcistiche

Tra NBA, tennis e F1 sono molte le passioni sportive di Dybala: "Mi piace molto l'NBA. Purtroppo abbiamo finito la stagione in ritardo e non sono potuto andare a vedere le finali, ma potrei avere l'opportunità di andare a vedere una partita dei playoff". Poi sull'amicizia con Alcaraz ha dichiarato: "È un fenomeno. Ci siamo incontrati in occasione di un evento dell'ATP e siamo rimasti in contatto. Non mi piace disturbarlo, ma gli ho detto che sarei stato a Wimbledon quest'anno, l'ho aspettato dopo una partita e siamo rimasti a chiacchierare". Infine, anche un commento sulla Formula 1: "La Formula 1 ci ha invitato, non ero mai stato a una gara e mi è piaciuto molto. È un evento che non immaginavo così, ho visto le macchine da vicino, ho chiacchierato con i piloti. Ho conosciuto un'altra realtà: i piloti, come nel tennis, sono soli. C'è molta psicologia e ho chiesto molto sulla sua preparazione. Vanno a una velocità incredibile in spazi così piccoli".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dybala e la finale contro il Siviglia

Che ricordo ha Dybala della finale contro il Siviglia? La Joya risponde così: "Molto triste. Sono arrivato in finale con quel tanto che basta a causa di una botta, ma per fortuna ho potuto esserci e dare una mano, anche se purtroppo non è bastato. Meritavamo di vincere, anche se pure il Siviglia aveva fatto un bel percorso fino alla finale. Hanno deciso i rigori. Per noi è stato un grande dolore".

Dybala, le parole su Mourinho e la Roma

Lo Special One ha etichettato l'argentino come un "ragazzo d'oro e di un'altra epoca". La Joya ha risposto così: "Che lo dica un allenatore che ha fatto numeri incredibili è un enorme piacere. Dico sempre che è il gruppo che mi fa stare bene e dare il massimo. Sono grato a lui, al suo staff e ai colleghi". Poi sulla nuova Roma ha aggiunto: "Cercheremo di migliorare in tutte le competizioni. Vogliamo dare un titolo ai tifosi, se lo meritano. Con i rinforzi arrivati ??e quelli che potrebbero arrivare, abbiamo un'ottima rosa. Cercheremo di essere più aggressivi, più profondi, con un gioco che ci dia più opzioni".

Dybala e l'ammirazione di Totti

Sulle parole di elogio che l'ex capitano giallorosso ha speso sulla Joya, Dybala ha dichiarato: "L'ho visto prima di venire, alla partita di beneficenza di Eto'o a Milano. Non abbiamo parlato molto, perché c'erano le telecamere, ma sono molto grato per le parole che ha speso per me. Qui è un dio, un mito per la gente e ha tutta la mia ammirazione". Poi sulla presentazione dello scorso anno ha aggiunto: "Dopo la conferenza, il direttore Tiago Pinto mi ha detto che ci sarebbe stata una presentazione, ma io ho immaginato si trattasse di foto e qualche video. Non avrei mai immaginato una cosa del genere. Stavamo andando in centro, siamo passati davanti al Colosseo Quadrato e ho iniziato a vedere gente con le bandiere... È stato un momento molto folle. Tutte quelle persone erano lì per me, che non avevo mai giocato per loro e veniva da un club rivale. Venivo da un momento difficile e questo mi ha dato una grande gioia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...